Pediatri, 'contagi fra bimbi preoccupano, vaccinarli prima ripresa scuola'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 4 gen. (Adnkronos Salute) - In 2 settimane oltre 100mila contagi, 399 ricoverati, 6 pazienti in terapia intensiva: sono i dati che fotografano l'impatto di Covid nella fascia d'età under 20, fetta di popolazione in cui si concentra un nuovo caso su 4 che vengono diagnosticati nel Paese. I dati sono in crescita e per la classe 6-11 anni l'Istituto superiore di sanità (Iss) nel suo ultimo report parla di "impennata nelle ultime settimane". "Siamo molto preoccupati come pediatri - spiega all'Adnkronos Salute Giuseppe Di Mauro, presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) - Fra i bambini e i ragazzi stiamo vedendo molti contagi. In ospedale poi ci finiscono i più fragili. Ma i numeri delle infezioni sono in aumento e questo ha un impatto. Lo percepiamo molto dall'attività intensa nei nostri studi in questi giorni".

"Io - racconta il medico - ho lavorato il 31 dicembre per tutta la giornata, e anche l'1 e il 2 gennaio sono stato impegnato a rispondere alle tante chiamate delle famiglie" alle prese con casi Covid. "I genitori ci chiedono consigli, per i fratelli e gli altri familiari, noi li invitiamo a procedere il più rapidamente possibile con la vaccinazione. Lo diciamo a tutti: fate cominciare il ciclo vaccinale ai vostri ragazzi prima che riprendano l'attività scolastica" post feste".

E ancora: "Perché "in un momento del genere - ribadisce Di Mauro all'Adnkronos - l'unica arma restano ancora i vaccini che abbiamo, che sono efficaci e sicuri e riescono a darci una protezione. E' vero, qualcuno viene contagiato, specie con due dosi. Ma è molto lieve dal punto di vista della sintomatologia. Si resta a casa con sintomi quali rinite, cefalea, febbricola. Rispetto a un anno fa, quando chi si prendeva Covid rischiava spesso di finire in terapia intensiva. Noi stiamo provando l'impatto e l'efficacia dei vaccini. Vorremmo più serenità. Perché siamo abituati a vaccinare contro il morbillo e altre patologie. E posso assicurare che contro Covid vinceremo noi".