Pediatri, 'attivata rete sorveglianza su tutto il territorio per casi epatite'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 26 apr. (Adnkronos Salute) - “La pediatria di famiglia ha dato immediata disponibilità, attivando una rete di sorveglianza su tutto il territorio nazionale per i casi di epatite che si dovessero verificare in base alle indicazioni date dal ministero della Salute". Lo ha annunciato Antonio D’Avino, presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) che questa mattina ha avuto un incontro istituzionale con il ministro della Salute Roberto Speranza, insieme ai vicepresidenti Fimp Luigi Nigri e Nicola Roberto Caputo. "La Fimp - assicura D'Avino - invierà oggi stesso le indicazioni emanate dal ministero della Salute e discusse nell’ambito dell’incontro, perché si attivi uno stato di massima attenzione sul rischio della malattia".

"Il ministro - prosegue D'Avino - condivide con la Fimp un modello futuro di totale salvaguardia della pediatria di famiglia, in base ai risultati conseguiti e riconosciuti: nei prossimi assetti organizzativi territoriali il pediatra di libera scelta potrebbe avere un ruolo fondamentale all’interno di alcune case di comunità, specificamente attrezzate per i minori e soprattutto nelle scuole come autorità sanitaria di coordinamento, in particolare su problematiche come i disturbi del neurosviluppo e della disabilità in generale”.

"Il ministro Speranza - conclude il presidente Fimp - ci ha chiesto di rafforzare il nostro impegno nell’attività vaccinale, in particolare contro il Covid-19, alla luce della ripresa dell’epidemia in alcune aree della Cina, costrette al lockdown".