PDAC: una tripla combinazione mirata al deficit di riparazione del DNA si dimostra promettente in una sperimentazione preliminare

  • Jameson GS & al.
  • JAMA Oncol
  • 03/10/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La combinazione cisplatino, nab-paclitaxel e gemcitabina evidenzia un beneficio incoraggiante in una sperimentazione clinica di fase 1b/2 nell’adenocarcinoma duttale del pancreas (pancreatic ductal adenocarcinoma, PDAC) metastatico non trattato precedentemente.

Perché è importante

  • Sebbene l’endpoint primario, ossia la risposta completa, non sia stato soddisfatto, la combinazione ha ottenuto uno dei tassi di risposta obiettiva più elevati osservati negli studi di fase 1b/2.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 1b/2 in aperto di 24 pazienti con PDAC metastatico non trattato precedentemente.
  • I pazienti sono stati idratati aggressivamente con liquidi per via endovenosa (EV).
  • Finanziamento: Seena Magowitz Foundation; Stand Up to Cancer; Mattress Firm; Lustgarten Foundation; TGen Foundation; HonorHealth Foundation.

Risultati principali

  • Uno studio precedente di questi ricercatori aveva indicato che tutti i tumori pancreatici da essi sequenziati geneticamente presentavano vie di riparazione anomale.
  • Dose massima tollerabile di cisplatino: 25 mg/m2.
  • Numero mediano di cicli completati: 8 (intervallo, 1–15).
  • L’8% dei pazienti ha ottenuto una risposta completa, un valore inferiore all’endpoint primario del 25%.
  • Il 62% dei pazienti ha ottenuto una risposta parziale, il 17% malattia stabile e il 12% ha evidenziato progressione della malattia.
  • Sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 16,4 mesi (IC 95%, 10,2–25,3 mesi).
    • Sopravvivenza a 1 anno del 64%.
    • Sopravvivenza a 2 anni del 40%.
    • Sopravvivenza a 3 anni del 16%.
    • Sopravvivenza a 4 anni dell’8%.
  • Sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 10,1 mesi (IC 95%, 6,0–12,5 mesi).
  • Tasso di risposta obiettiva del 71%; tasso di controllo della malattia dell’88%.

Limiti

  • Campione non randomizzato e di piccole dimensioni.