PDAC: una RCT suggerisce efficacia della terapia neoadiuvante

  • Versteijne E & al.
  • J Clin Oncol
  • 27/02/2020

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La chemioradioterapia neoadiuvante (neoadjuvant chemoradiotherapy, nCRT) evidenzia superiorità rispetto al trattamento chirurgico come approccio iniziale in termini di esiti secondari, ma non di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), nell’adenocarcinoma duttale del pancreas (pancreatic ductal adenocarcinoma, PDAC) resecabile o borderline resecabile.

Perché è importante

  • Si tratta della prima sperimentazione clinica randomizzata della nCRT in questa popolazione.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione clinica di fase 3, randomizzata (16 centri, N=246).
  • Finanziamento: Dutch Cancer Society.

Risultati principali

  • Nessuna differenza significativa nella OS mediana tra gruppo sottoposto a nCRT e gruppo trattato inizialmente chirurgicamente (16,0 vs. 14,3 mesi; P=0,096).
  • Il gruppo sottoposto a nCRT ha ottenuto esiti secondari migliori:
    • tasso di resezione R0, 71% rispetto al 40% (P
    • sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) mediana, HR=0,73 (P=0,032);
    • intervallo libero da fallimento locoregionale (locoregional failure-free interval, LFFI) mediano, HR=0,56 (P=0,0034).
  • I pazienti sottoposti a resezione R0 hanno ottenuto una OS migliore rispetto a quelli sottoposti a resezione non R0: HR=0,47 (P
  • Il gruppo sottoposto a nCRT presentava tassi inferiori di:
    • linfonodi patologici, 33% rispetto a 78% (P
    • invasione perineurale, 39% rispetto a 73% (P
    • invasione venosa, 19% rispetto a 36% (P=0,024).
  • In un sottogruppo predefinito di pazienti con sospetto PDAC borderline resecabile, la nCRT era associata a valori mediani migliori di:
    • OS, 17,6 rispetto a 13,2 mesi (HR=0,62; P=0,029);
    • DFS, 6,3 rispetto a 6,2 mesi (HR=0,59; P=0,013); 
    • LFFI, 27,7 rispetto a 11,8 mesi (HR=0,54; P=0,022).

Limiti

  • È possibile che lo studio non avesse una potenza sufficiente.