Ospedale Padova, 'in intensiva oggi più casi West Nile che Covid'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 24 ago. (Adnkronos Salute)() - "Lavoro da oltre 30 anni in terapia intensiva e avevo visto una sola encefalite da virus West Nile in tutti questi anni, prima d'ora. Oggi abbiamo 10 ricoverati in reparto a Padova. Nel 2018 c'era stata un'altra ondata intensa in Italia, che però nel nostro territorio non aveva raggiunto questi livelli. Questo tipo di neuroinvasività in effetti non l'avevamo mai visto con questi numeri. All'inizio, quando i pazienti hanno cominciato ad essere 2, 3, poi 4, siamo rimasti sorpresi. Sta un po' prendendo il posto del Covid. Il rapporto, come spiegato dal nostro direttore generale, oggi è 10 ricoverati per West Nile e 2 per Covid in terapia intensiva". A raccontarlo all'Adnkronos Salute è Marina Munari, responsabile della Neuroanestesia e Neurorianimazione dell'Azienda ospedale università di Padova.

"Il Veneto e in particolare il Polesine sono una zona a rischio per il West Nile ma, pur essendo un'infezione che c'è da molto tempo, con questa espressività soprattutto a livello neurologico non l'avevamo mai conosciuta. Ecco perché ci ha colto di sorpresa. I pazienti più gravi, avendo questo coinvolgimento del sistema nervoso - spiega - devono avere l'accesso in terapia intensiva e rimangono ricoverati per settimane. C'è anche un impatto sul sistema sanitario ovviamente, in termini di minor ricambio e conseguente minor disponibilità di letti. Nelle altre stagioni in terapia intensiva l'impatto di West Nile era stato praticamente zero qui. Come è noto, l'80% delle persone che si infettano sono asintomatiche, il 20% sviluppa una sindrome influenzale e un 1-2% ha un'espressività a livello neurologico un po' più aggressiva ed è quello che registriamo quest'anno".

"Probabilmente questi casi sono sempre l'1-2% - ragiona Munari - Ma quest'anno potrebbero esserci molte più persone che hanno avuto l'infezione e le forme neuroinvasive si vedono di più. Non possiamo saperlo, essendo gli infetti in gran parte asintomatici. Ma credo che questa possa essere una spiegazione. Oppure una mutazione del virus che lo rende più aggressivo per quanto riguarda il sistema nervoso, ma se il virus sia mutato è una risposta che potranno dare i microbiologi. L'ospedale di Padova sta facendo analisi di questo tipo. Stiamo cercando di valutare questi pazienti su più fronti, con indagini da un punto di vista neuroradiologico e bioumorale per cercare di capire al meglio quello che è possibile fare anche da un punto di vista terapeutico, perché non ci sono in queto momento vaccini o altre terapie specifiche che possono mettere al riparo questo tipo di pazienti".