Ospedale Monza, false notizie su chiusura reparti


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 24 feb. (AdnKronos Salute) - L'ospedale San Gerardo di Monza segnala la circolazione di false notizie in merito alla chiusura di alcuni reparti della struttura, legate alla "pubblicazione su Facebook di un documento interno". Un episodio per il quale "la direzione generale sta prendendo provvedimenti contro chi ha favorito la diffusione".

L'Asst di Monza precisa che "nel documento interno era prevista la temporanea chiusura di alcuni reparti per motivi di sicurezza (Otorinolaringoiatria, Chirurgia maxillo facciale, Chirurgia toracica e Chirurgia vascolare), dovuti a un sospetto di contatto" e "poi fugati dalla verifica dei tamponi il giorno stesso, risultati negativi. Pertanto i tre reparti sono oggi aperti e accessibili".

"Al momento - aggiunge l'azienda socio sanitaria territoriale - anche le attività ambulatoriali della Palazzina Accoglienza sono in funzione. Le sospensioni riguardano quelle attività in cui i degenti potrebbero venire a contatto con i pazienti esterni, come ad esempio nel Monoblocco. Altre limitazioni riguardano le attività chirurgiche non urgenti, così come da indicazioni regionali, e alcune attività interventistiche che non pregiudicano la sicurezza. Sospesa temporaneamente quindi anche l'attività di pre ricovero". Ancora: "Il Pronto soccorso è operativo, il Centro unico prenotazioni è operativo, mentre alcuni servizi territoriali, sempre come disposto da Regione Lombardia, sono stati sospesi (Scelta e revoca, Vaccinazioni)".

"Si confida nell'operato di tutti per il corretto funzionamento delle comunicazioni, che come richiesto da Regione sono ad essa accentrate", ricorda l'azienda che conclude: "Le informazioni riportate erano di esclusiva pertinenza interna e quindi non andavano diffuse, tanto più che, essendo la situazione in continuo evolversi, erano indicazioni relative alla sola giornata del 23 febbraio e rendendole pubbliche hanno provocato notevoli disagi e danni all'attività della Asst di Monza".