Orticaria cronica idiopatica: omalizumab efficace anche nella pratica clinica


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

 

  • Omalizumab, un anticorpo monoclonale anti-IgE usato nell’asma allergico, è indicato anche per la gestione dell'orticaria cronica idiopatica (CIU), nota anche come orticaria cronica spontanea, sia negli adolescenti sia negli adulti, quando il paziente non risponde agli antistaminici.
  • Questo studio conferma che sicurezza ed efficacia del farmaco nella gestione della CIU nella pratica clinica non solo equivalgono, ma superano quelle riportate nei trial clinici.

 

Descrizione dello studio

 

  • È stata condotta una metanalisi su studi osservazionali e abstract scientifici che riportavano l'efficacia sul campo di omalizumab in CIU nel periodo gennaio 2006 – gennaio 2018, estratti da PubMed, Embase, Web of Science e Cochrane, con consultazione della bibliografia al fine di identificare ulteriori studi.
  • Un totale di 67 articoli (il 35,2% di quelli individuati) sono stati inclusi nell'analisi.
  • Endpoint: cambiamento generale nel punteggio dell’Urticaria Activity Score (UAS, range 0-6) e cambiamento nel punteggio settimanale (UAS7, range 0-42) dopo terapia (in entrambe le scale, un punteggio più alto indica un peggior esito). Inoltre, si sono valutati, sotto forma di percentuale, i tassi di risposta completi e parziali e il tasso di eventi avversi.
  • Fonte del finanziamento: Novartis (produttore dell’anticorpo).

 

Risultati principali

 

  • La terapia è risultata associata a
    • miglioramento dei punteggi UAS7 (-25,6 punti, IC 95% da -28,2 a -23,0; P
    • miglioramento dei punteggi UAS (-4,7 punti, IC 95% da -5,0 a -4,4, P
    • tasso medio di risposta completo del 72,2% (IC 95% 66,1% − 78,3%, P
    • tasso medio di risposta parziale del 17,8% (IC 95% 11,7% − 23,9%, P
    • tasso medio di eventi avversi del 4,0% (IC 95% 1,0% − 7,0%, P

 

Limiti dello studio

  • I risultati potrebbero non essere generalizzabili, anche alla luce delle differenze insite tra gli articoli in termini di disegno di studio e di rigore dei dati.
  • L’analisi si basa sui soli dati disponibili.

 

Perché è importante

  • Questi dati su omalizumab in CIU raccolti sul campo sono rilevanti sia in campo clinico per eventuali decisioni di politica sanitaria.