Oristano, pediatri e specialisti per potenziare la sanità territoriale Ales-Terralba

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Oristano, 29 set. (Adnkronos Salute) - Dai medici di famiglia ai pediatri, dalla specialistica ambulatoriale alle ristrutturazioni dei poliambulatori: sono numerosi gli interventi messi in campo dalla Asl 5 di Oristano per dare una risposta alle questioni aperte nel distretto di Ales-Terralba. Una buona notizia per i cittadini di San Nicolò d’Arcidano: il medico di famiglia che andrà in pensione il 1 ottobre sarà sostituito da un altro medico di medicina generale, vincitore di un incarico annuale, a partire dal 10 ottobre. L’assistenza ai pazienti del paese potrà così essere così garantita in sostanziale continuità.

Nel vicino comune di Uras, a partire da dicembre arriverà, con incarico definitivo, un nuovo medico di famiglia che potrà acquisire fino a 1800 pazienti e che si aggiungerà alla dottoressa già presente. I cittadini dei comuni di Arborea, Marrubiu, San Nicolò d’Arcidano, Terralba e Uras avranno dunque un ulteriore medico di famiglia a disposizione.

Nell’ottica di garantire alle comunità l’assistenza sanitaria di base è stata avanzata all’assessorato regionale della Sanità e ad Ares la proposta di adeguare le remunerazioni dei medici di guardia medica diurna, che sopperiscono alla mancanza di un medico di famiglia, parificandole a quelle dei colleghi che lavorano nelle Usca. È stato inoltre stilato l’elenco, ora al vaglio degli uffici regionali, delle sedi disagiate e disagiatissime, mirato a fornire incentivi economici ai medici che optino per i territori periferici.

Per ciò che riguarda i bambini di Terralba rimasti privi di assistenza sanitaria di base a seguito del trasferimento di una dei tre pediatri presenti nella cittadina, è stato stabilito dal Comitato consultivo Asl 5 l’aumento temporaneo dei massimali fino a 1000 assistiti per i due pediatri attualmente presenti nell’ambito.

Le famiglie dei piccoli in precedenza seguiti dal medico trasferitosi, residenti nei comuni di Arborea, Marrubiu, San Nicolò d’Arcidano, Terralba e Uras, potranno quindi optare per uno dei due pediatri. Sarà possibile, in alternativa, scegliere un pediatra presente negli ambiti limitrofi, come quello di Mogoro. In questo modo, tutti i bambini potranno avere la possibilità di vedere garantita l’assistenza sanitaria di base.

Sarà anche rafforzata l’assistenza sanitaria specialistica nei Poliambulatori di Ales, Terralba e Mogoro, con l’ampliamento delle prestazioni per un totale di 98 ore in più alla settimana: ad Ales saranno potenziate oculistica, urologia, allergologia, angiologia, neurologia e neuropsichiatria infantile; a Terralba aumenteranno le prestazioni di cardiologia, dermatologia, endocrinologia, fisiatria e neurologia; a Mogoro verranno incrementate geriatria e cardiologia.

Sul versante delle infrastrutture sanitarie, procedono i lavori per la realizzazione della Casa della comunità di Terralba, che sorgerà in località Pauli Piscus e ospiterà la guardia medica, i medici di famiglia, il Centro unico di prenotazione, gli specialisti ambulatoriali, la radiologia e gli altri servizi sanitari del territorio. È stato realizzato il documento preliminare di progettazione ed aggiudicato il lavoro al progettista.

Al Poliambulatorio di Ales sono stati avviati i lavori per la ristrutturazione della Farmacia territoriale, con la rimodulazione degli spazi interni e la risistemazione della facciata, e sono stati consegnati un ecografo ginecologico 4 D di alta gamma, già in funzione negli ambulatori ginecologici, e un secondo ecocolordoppler multidisciplinare utilizzato dall’ambulatorio angiologico, urologico e internistico.

Due nuovi ecografi multidisciplinari saranno a breve consegnati anche al Poliambulatorio di Terralba. Interventi anche a Mogoro, dove il poliambulatorio è stato dotato di nuovi climatizzatori per rendere più confortevoli le visite e le attese dei pazienti e a San Nicolò d’Arcidano, dove verrà ristrutturato l’ingresso l’ambulatorio del medico di medicina generale.