Oristano, a Ghilarza lavori completati per la Farmacia territoriale

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Oristano, 23 giu. (Adnkronos) - Si sono conclusi i lavori di riadeguamento della sede della Farmacia territoriale di Ghilarza. Sopra la rampa d’accesso che conduce ai locali interni è stata montata una pensilina che proteggerà gli utenti dagli agenti atmosferici e permetterà un accesso più agevole alla sala d’attesa. L’installazione della struttura pensile completa gli interventi di miglioramento complessivo del Servizio farmaceutico di Ghilarza sia dal punto di vista organizzativo che logistico.

Dallo scorso aprile il numero di aperture mensili è passato da due a quattro, garantendo ai cittadini un accesso settimanale, ogni martedì dalle ore 8.30 alle 13.00. Per venire incontro alle esigenze degli utenti è stata anche realizzata una sala d’aspetto all’interno dello stabile, dotata di posti a sedere e di un dispositivo eliminacode con display di chiamata. Il raddoppio delle aperture e la nuova ripartizione degli spazi interni hanno consentito non solo di ridurre i tempi d’attesa per il ritiro dei farmaci, ma anche di farlo in maniera più ordinata e nel rispetto della riservatezza.

La riorganizzazione è stata studiata dal coordinatore dell’Ufficio per l’integrazione ospedale-territorio della Asl di Oristano Alessandro Baccoli, in collaborazione con la responsabile del Servizio farmaceutico territoriale Bianca Maria Dessupoiu e dell’Area tecnica di Ghilarza. "Analoga operazione sarà ora condotta sulla Farmacia territoriale di Ales – spiega il dottor Baccoli –. Anche qui abbiamo predisposto una rimodulazione degli spazi che ci consentirà di ricavare una sala d’attesa e un percorso interno per il ritiro dei medicinali e altri interventi edilizi che renderanno i locali più accoglienti e confortevoli. Progressivamente contiamo di intervenire sulle diverse strutture territoriali per ottimizzarne l’organizzazione e la fruibilità per i cittadini".