Ordine Milano, 'più attenzione a violenza su medici, rabbia per morte Falcetto'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 15 dic. (Adnkronos Salute) - "Gli episodi di intolleranza e violenza contro medici e sanitari in genere sono sempre più frequenti e gravi: è ora che le istituzioni diano una risposta seria al problema. Un po' di tempo fa si sono inasprite le norme del Codice, ma non basta. I medici si devono sentire sicuri e tutelati, quando lavorano". E' amareggiato il presidente dell'Ordine dei medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, e chiede più attenzione alla sicurezza dei camici bianchi, esprimendo il suo cordoglio per la morte di Giorgio Falcetto, il medico ucciso a colpi di accetta nel parcheggio del Policlinico San Donato, e "la solidarietà e la vicinanza alla famiglia".

Rossi e l'Ordine milanese condannano l'atto di "brutale violenza che per l'ennesima volta viene fatto all'interno di una struttura sanitaria che dovrebbe essere dedicata alla cura delle persone. La lite - aggiunge Rossi - in questo caso non è ancora chiaro se sia avvenuta per una ragione connessa con la cura o meno. In ogni caso, rimane la rabbia e l'amarezza per la perdita di un medico che ha continuato a dedicarsi alla cura delle persone in un contesto lavorativo tra i più complessi e più esposti. Gli episodi di intolleranza e violenza conto medici e Sanitari in genere sono sempre più frequenti e gravi: è ora che le istituzioni diano una risposta seria al problema. Un po' di tempo fa si sono inasprite le norme del Codice, ma non basta. I medici si devono sentire sicuri e tutelati, quando lavorano".