Ordine medici Roma, 'proteste ad assemblea fuori contesto'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 2 mag. (Adnkronos Salute) - "L'assemblea dell’Ordine provinciale dei medici chirurghi e odontoiatri di Roma, si è svolta, sabato, regolarmente e nel rispetto delle norme. Ed è stato approvato ad ampia maggioranza il conto consuntivo 2021 e il bilancio preventivo 2022. Le contestazioni avvenute fuori della sede da parte di professionisti contrari, in particolare, all'obbligo vaccinale, non avevano alcun attinenza con il tema dell'assemblea". Lo ha detto all'Adnkronos Salute, Antonio Magi, presidente dell'Ordine capitolino in merito all'Assemblea che si è tenuta ieri e dove, fuori dalla sede un gruppo di camici bianchi ha protestato animatamente, anche diffondendo filmati e video sui social.

"Le proteste all'esterno poco avevano a che fare sul bilancio. Ed è stato anche dichiarato", ha aggiunto ricordando che la presenza della polizia fuori dalla sede assembleare era mirata "al mantenimento dell'ordine pubblico dopo che nell'ultima assemblea c'erano già state contestazioni. C'era anche un servizio di vigilanza che abbiamo ingaggiato su richiesta dell'albergo che ci ospitava". Queste contestazioni "nascono - aggiunge - con l'obbligo vaccinale ed è sostenuta da colleghi che hanno ritenuto di non aderire al vaccino anti Covid e sono stati sospesi. La protesta si è legata poi ad altri argomenti professionali. Si tratta, comunque, di una minoranza che è organizzata a livello nazionale. Non è un fatto locale. A Torino e Udine sono riusciti a bocciare il bilancio degli Ordini".

Sono stati oltre 800 - si legge in una nota dell'Ordine romano - i medici iscritti che si sono registrati per votare, segno questo di grande partecipazione. L’Assemblea, oltre ad approvare i bilanci per alzata di mano, come di consuetudine, ha ascoltato la relazione di natura politica del presidente Magi e le relazioni tecniche del tesoriere, Guido Coen e del presidente del Collegio dei Revisori, Leonardo Carletti. Diversi anche gli interventi degli iscritti che hanno portato a conoscenza dell’assemblea criticità e problematiche.