Ordine medici Milano, oltre 1.700 aggressioni in ospedale in 3 anni


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 29 gen. (AdnKronos Salute) - E' emergenza sanità in corsia a Milano. Sono state 1.704 le aggressioni registrate negli ultimi 3 anni ai danni dei camici bianchi nell'area metropolitana milanese. A lanciare l'allarme l'Ordine dei medici, chirurghi e odontoiatri (Omceo) del capoluogo lombardo, che in collaborazione con la Commissione Pari opportunità del Comune ha organizzato un incontro Ecm sul tema, durante il quale interverrà anche l'ex prefetto, Francesco Paolo Tronca. Il dibattito è in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino, dalle 8.30 alle 13.45.

"Si tratta di un'emergenza autentica: i dati sono infatti arrotondati per difetto poiché non esiste una vera e propria contabilità del fenomeno", dice Roberto Carlo Rossi, presidente dell'Omceo di Milano. "Come rispondiamo a questo pericoloso fenomeno?", si domanda. "Innanzitutto, come Ordine - spiega - dotiamo tutti i medici degli strumenti e delle competenze necessarie per affrontare tali situazioni critiche, anche attraverso questo incontro in cui si alterneranno voci autorevoli del panorama medico sanitario nazionale. E' inoltre altrettanto importante sottolineare come, parallelamente alla formazione della classe medica, debba necessariamente prendere avvio l'adeguamento legislativo a tutela di tutti gli operatori socio sanitari".

Per l'ex prefetto Tronca "i medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso e di lavorare nelle migliori condizioni possibili. Sicurezza e fiducia sono le chiavi per valorizzare il rapporto medico-paziente che è alla base del percorso di cure su cui poggia il nostro Servizio sanitario nazionale".