Ordine medici Milano, 'caos tamponi, portale Ats in crash da settimane'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 dic. (Adnkronos Salute)() - "Da oltre due settimane riceviamo continue segnalazioni di medici che denunciano il malfunzionamento del portale Ats Milano per la prenotazione dei tamponi. Questo non solo crea grandi difficoltà ai medici, di tempo e di risorse, ma li rende anche ‘colpevoli’ di fronte ai pazienti, aumentando ulteriormente il contenzioso medico-paziente, già reso artatamente incandescente da alcune dichiarazioni sconsiderate dell’Assessore al Welfare. Una situazione ingestibile, che si nota dalle lunghe file davanti alle farmacie". Lo denuncia Roberto Carlo Rossi, presidente dell'Ordine dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Milano a seguito dell’incontro avvenuto martedì in Regione.

"Un incontro in Regione ha messo, positivamente, una 'pezza' autorizzando la richiesta del tampone con semplice foglio di ricettario o semplice e-mail del medico al paziente, ma - avverte - resta il rischio che le strutture non accettino questa modalità e soprattutto fuori dai punti tampone, al freddo, si stanno formando code che durano anche molte ore. L’incontro è stato positivo anche perché sembra sia stata accettata la richiesta di utilizzare i Colleghi del Triennio di Formazione in Medicina Generale presso gli hub vaccinali”.

"Siamo tuttavia molto preoccupati per la situazione dei tamponi ed il malfunzionamento dei sistemi informatici. Questo avviene proprio nei giorni in cui il Governo studia, con un'ulteriore stretta per limitare la diffusione del virus e della variante Omicron, l'ipotesi di imporre il tampone per tutti i locali al chiuso, di cui scopriremo proprio oggi i contenuti esatti", aggiunge Rossi, che spiega: “Il portale dell’Ats è sempre meglio di quello regionale, ma deve funzionare, soprattutto in un momento in cui diventa uno strumento essenziale per la limitazione della diffusione del virus e dopo settimane che lo segnaliamo".

"Il problema – prosegue Rossi – è che la rete informatica lombarda fa acqua da tutte le parti. Proprio per questa ragione è necessario investire sulla tecnologia informatica. Io stesso, che esercito tutti i giorni la professione come medico di medicina generale perdo ogni settimana ore e ore pregando che il sistema non faccia i capricci. Infine, va subito potenziata la rete che esegue tamponi molecolari: con un aumento così rapido dei contagi bisogna correre subito ai ripari", conclude il presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi di Milano.