Omceo Napoli, 'su medici assenteisti saremo intransigenti'


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma 18 mar. (Adnkronos Salute) - "Saremo intransigenti". Così il presidente dell'Ordine dei medici e odontoiatri di Napoli Silvestro Scotti commenta con una nota la denuncia sugli 'Schettino in camice bianco', i medici che all'ospedale Cardarelli di Napoli si sono messi in malattia lasciando i colleghi da soli. Un allarme lanciato dal direttore del dipartimento di emergenza Ciro Mauro.

"Resto in attesa dal dottor Mauro di denunce specifiche con atti e fatti su quanto è a conoscenza per poter procedere con le dovute azioni disciplinari di mia competenza - aggiunge Scotti - Mi auguro che queste affermazioni non siano state rese, però, senza prove concrete o opportune verifiche, perché allora ad essere chiamato in consiglio di disciplina sarebbe lo stesso dottor Mauro", prosegue Scotti, che riveste anche la carica di segretario nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg).

Dall’Ordine dei medici di Napoli si leva infine un appello al Governo affinché si provveda con un’azione straordinaria a vietare, immediatamente, e soprattutto in questo periodo tanto drammatico, le numerose pubblicità che in strada e sui giornali invitano i cittadini a fare causa ai medici per eventuali errori commessi, "medici che oggi meritano solo un silenzio rispettoso per quanto svolgono e nelle condizioni in cui lo svolgono, certamente non denunce via social o pubblicità speculative", avverte l'Omceo di Napoli.

"Se ci sono degli errori colposi è giusto che si proceda, in tutte le sedi compresa quella ordinistica - conclude Scotti – ma oggi più che mai, noi chiediamo con forza che gli inviti ai cittadini tramite campagne pubblicitarie così insistenti siano rimossi e vietati in questi mesi tanto difficili, invitando anche gli editori dei giornali a valutare i contenuti etici del momento prima di dare spazi commerciali di questo tipo. È un invito dissonante rispetto ai grandi sacrifici, anche in termini di vite umane, che la categoria sta sostenendo. In questo momento ci serve sostegno, non abbiamo bisogno di sciacalli".