Olaparib è migliore della chemioterapia in termini di qualità della vita nei tumori mammari metastatici

  • Robson M & al.
  • Eur J Cancer
  • 22/08/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Olaparib è risultato migliore della chemioterapia secondo il punteggio dello stato di salute generale/della qualità della vita (quality of life, QoL; rispetto al basale) in una sperimentazione di fase 3 di pazienti con mutazioni germinali del gene BRCA e tumore mammario metastatico negativo per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2 (human epidermal growth factor receptor 2, HER2).

Perché è importante

  • La qualità della vita è fondamentale nelle pazienti con prognosi infausta per la sopravvivenza.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione multicentrica randomizzata OlympiAD (n=302) che ha confrontato olaparib in monoterapia (300 mg due volte al giorno) rispetto al trattamento chemioterapico con agente singolo scelto dal medico (capecitabina, vinorelbina o eribulina).
  • L’esito primario era la variazione media rispetto al basale del punteggio dello stato di salute generale/della QoL a 2 voci basato sul questionario completato dal paziente EORTC QLQ-C30 (modulo a 30 voci del questionario sulla qualità della vita [Quality of Life Questionnaire Core 30-item module] dell’European Organisation for Research and Treatment of Cancer).
  • Finanziamento: AstraZeneca; MSD.

Risultati principali

  • Olaparib ha ottenuto una variazione media superiore di 7,5 punti rispetto al basale del punteggio dello stato di salute generale/della QoL rispetto alla chemioterapia (3,9±1,2 deviazioni standard [DS] rispetto a -3,6±2,2 DS; P=0,0035).
  • Una percentuale maggiore di pazienti trattate con olaparib ha ottenuto una migliore risposta complessiva in termini di miglioramento dello stato di salute generale/della QoL (33,7% vs. 13,4%).
  • Le pazienti trattate con olaparib hanno riferito meno deterioramento (11,7% vs. 20,6%).
  • L’unico esito peggiore con olaparib era il punteggio del sintomo nausea/vomito (a tutte le visite rispetto al basale).

Limiti

  • Disegno in aperto.