Occhiuto, 'medici cubani non sostituiscono assunzioni, non temo ricorsi'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 ago. (Adnkronos Salute)() - La decisione di ricorrere ai circa 500 medici cubani per far fronte alle esigenze delle sanità calabrese "è utile e necessaria". Dopo aver provato tutte le possibilità 'interne' per risolvere la carenza del personale medico "questa è l'unica strada rimasta per tenere aperti gli ospedali della Regione". Ma è una soluzione di emergenza che "non esclude la ricerca di personale da assumere in pianta stabile, attività che non si ferma. E non si fermerà fino a quando non avremo risolto la questione. Chi mette in contrapposizione le due cose sbaglia strada". A dirlo, all'Adnkronos Salute, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto che - in merito all'annuncio del sindacato Cimo-Fesmed di un ricorso al Tar contro la decisione di arruolare medici dell'isola caraibica - sottolinea di non avere timori: "l'iniziativa è corretta, abbiamo fatto tutto nel pieno rispetto delle normative".

"Anche questa mattina - prosegue - abbiamo pubblicato una manifestazione d'interesse per specializzandi italiani che volessero venire a lavorare in Calabria. L’avviso riguarda posti per tutti gli ospedali e per tutte le strutture sanitarie calabresi: da Catanzaro a Polistena, da Cosenza a Locri, da Lamezia Terme a Crotone, da Vibo Valentia a Gioia Tauro. Speriamo che questa nostra manifestazione possa essere presa in considerazione da tanti giovani medici provenienti dalla nostra Regione e da tutto il Paese. Stiamo facendo tutto il possibile".

"L'accordo con i medici cubani, che ci serve per non chiudere gli ospedali per carenza di personale, non è in contrasto con tutte le attività di reclutamento che stiamo portano avanti con il massimo impegno: facciamo tutto quello che è possibile fare per trovare medici calabresi e, in generale, italiani" .

In Calabria, ammette Occhiuto, "la difficoltà a reclutare medici che hanno tutte le Regioni è sicuramente più grave perché il nostro sistema sanitario non è attrattivo. E anche su questo stiamo lavorando", conclude Occhiuto, che aggiunge: "Chi vuole ricorrere al Tar lo faccia pure. Noi andiamo avanti facendo quello che è giusto, avendo come unica bussola il bisogno di salute dei calabresi".