Obesity Day, al Bambino Gesù consulenze gratuite e incontri


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 4 ott. (AdnKronos Salute) - In occasione dell'Obesity Day, la campagna nazionale di sensibilizzazione per la prevenzione dell'obesità e del sovrappeso, giovedì 10 ottobre dalle 10 alle 17, nella sede di San Paolo Fuori Le Mura (viale di San Paolo 15), medici e nutrizionisti dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma saranno a disposizione di bambini e adulti per illustrare i criteri di una corretta alimentazione come strumento di prevenzione per tutte le età. La partecipazione è libera e gratuita.

L'Obesity Day è una manifestazione promossa dalla Fondazione Adi (Associazione di dietetica e nutrizione clinica italiana). Il focus di quest'anno è 'Peso e benessere', un rapporto che può essere mantenuto nel giusto equilibrio, sin da bambini, attraverso l'educazione alimentare dell'intero nucleo famigliare. Le attività organizzate al Bambino Gesù per l'Obesity Day sono aperte a tutti: bambini, ragazzi, genitori, nonni e anche ai dipendenti dell'ospedale che vorranno aderire. Durante la giornata i partecipanti riceveranno materiale informativo e indicazioni da medici e nutrizionisti del Bambino Gesù. Su richiesta saranno effettuate consulenze mediche e misurazioni antropometriche per la valutazione dello stato di salute.

"Per contrastare eccesso di peso e obesità - dichiara Giuseppe Morino, responsabile Educazione alimentare al Bambino Gesù - è necessario affrontare il problema il più precocemente possibile. Per favorire una crescita sana non servono diete, ma stimoli a cambiare lo stile alimentare e di vita in generale. Regola che vale non solo per i più piccoli, ma anche per tutta la famiglia".

"L'obiettivo dell'Obesity Day - aggiunge Maria Rita Spreghini, nutrizionista del Bambino Gesù - è motivare al cambiamento delle abitudini dietetico-comportamentali, e sensibilizzare gli adulti di oggi per educare i bambini e i ragazzi, adulti di domani. Via dunque le cattive abitudini: meno televisione, computer e cellulare, e più spazio ai cibi sani e al movimento all'aria aperta per un pieno di benessere".