Nuovo Laboratorio imaging all'Ismett di Palermo


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Palermo, 23 gen. (AdnKronos Salute) - Attrezzature all'avanguardia per avviare progetti di radiomica, la più innovativa branca di ricerca nella medicina dell'imaging. Ismett, Rimed e Upmc si preparano ad avviare progetti di medicina di precisione grazie al nuovo laboratorio inaugurato oggi alla presenza del presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, dell'assessore alla Salute Ruggero Razza, e dell'assessore alla Attività produttive Mimmo Turano.

"Un ulteriore passo avanti sul piano della qualità per la sanità siciliana - sottolinea Musumeci - L'Ismett, grazie a una risorsa della programmazione finanziaria della Regione, si dota di tre importanti strumenti di diagnostica, uno dei quali addirittura il primo in Italia. L'obiettivo del governo regionale è quello di riqualificare il servizio sanitario, offrendo strumenti di diagnosi all'avanguardia, così da non dovere più invidiare le regioni del Nord. E' un obiettivo non ancora raggiunto, ma passo dopo passo stiamo lavorando affinché la Sicilia possa competere presto con tutti sul fronte della qualità sanitaria". A Razza "fa molto piacere che Palermo abbia a disposizione nuove e moderne tecnologie. Fa piacere perché Ismett rende onore alla Regione siciliana e ai tanti pazienti che raggiungono la Sicilia da ogni parte d'Italia. Tutto ciò dà l'idea che non siamo un popolo con le valigie in mano, ma che c'è una sanità capace di affrontare le esigenze di quanti si trovano ad averne bisogno".

Le attrezzature da oggi in uso nel nuovo Laboratorio di imaging dell'Ismett consentiranno a medici e ricercatori di avere esami sempre più precisi e dettagliati e soprattutto di disporre di dati non visibili dall'operatore, ma utilizzabili mediante l'immagazzinamento in sistemi di grande capacità in grado di accoglierli e analizzarli mediante algoritmi matematici di intelligenza artificiale quali l'apprendimento automatico (Machine Learning) e l'apprendimento profondo (Deep Learning). "Potranno essere svelate informazioni sempre più preziose non solo sulle patologie gravi come le neoplasie, ma anche sulla previsione di risposta dei pazienti al trattamento terapeutico cui sono sottoposti - spiega il direttore dell'Ismett, Angelo Luca - Ciò, in futuro, potrà permettere di indicare nuovi approcci clinici personalizzati su gruppi di pazienti o individuare nuove cure o metodiche di prevenzione".

Il progetto avrà il pieno supporto di Upmc, che all'Hillman Cancer Center di Pittsburgh ha già realizzato una piattaforma di Big Data per la Business intelligence e la ricerca. "E' il perfetto connubio tra innovazione, ricerca, sperimentazione - afferma Turano - L'Ismett è la sede ideale. Questi macchinari saranno al servizio del cittadino e fanno registrare una sanità diversa, che si evolve e offre una nuova qualità di servizi". Tre le attrezzature innovative in uso da oggi: la Tac Dual Source-Dual Energy, in grado di eseguire lo studio dell'intera aorta in meno di un secondo; la Tc Spect, che associa la tecnologia della medicina nucleare con quella della Tac; un angiografo digitale di ultima generazione con tomografia computerizzata cone beam, il primo con queste caratteristiche installato in Italia.