Nuove linee guida sulla diagnostica per immagini di sorveglianza nell’NSCLC e nell’SCLC

  • Schneider BJ & al.
  • J Clin Oncol
  • 12/12/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le nuove linee guida dell’American Society of Clinical Oncology offrono raccomandazioni sulla sorveglianza mediante diagnostica per immagini e biomarcatori dopo la terapia con intento curativo definitiva in pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) e tumore polmonare a piccole cellule (small-cell lung cancer, SCLC) in stadio I–III senza alcun segno clinico di recidiva.

Perché è importante

  • Esiste un ampio dibattito tra le società professionali e i medici in merito alla frequenza, ai tempi e alle modalità preferenziali per la sorveglianza post-trattamento in questa popolazione di pazienti; inoltre, alcuni protocolli di diagnostica per immagini attualmente adottati potrebbero non essere basati su evidenze cliniche.

Raccomandazioni chiave

  • I pazienti devono essere sottoposti a esami di diagnostica per immagini di sorveglianza per escludere la recidiva ogni 6 mesi per 2 anni e successivamente a esami diagnostici annuali.
  • La TC del torace è la modalità di diagnostica per immagini da preferire, con l’inclusione di scansioni delle ghiandole surrenali e preferibilmente con mezzo di contrasto.
  • La tecnica di PET/TC con fluorodeossiglucosio non è raccomandata per la sorveglianza.
  • La diagnostica per immagini di sorveglianza non è raccomandata nei pazienti clinicamente non idonei all’imaging o che hanno deciso di astenersi da trattamento aggiuntivo.
  • I pazienti non devono essere esclusi dalla diagnostica per immagini di sorveglianza a causa dell’età.
  • I biomarcatori circolanti non sono una strategia di sorveglianza raccomandata per la recidiva.
  • La RM cerebrale non è raccomandata come sorveglianza di routine nell’NSCLC in stadio I–III, ma è raccomandata per i pazienti con SCLC in stadio I–III dopo il trattamento con intento curativo: ogni 3 mesi per il primo anno e ogni 6 mesi per il secondo anno.