Nuova struttura per Società urologia, Giuseppe Carrieri presidente

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 19 ott. (Adnkronos Salute) - La Siu, Società italiana di urologia, annuncia "una riorganizzazione interna con alcune modifiche statutarie" attuate per "allinearsi a una struttura nuova e più snella". Le novità sono state formalizzate a Riccione, al termine del 95esimo Congresso nazionale. Eccole, in sintesi: se finora ai vertici Siu c'erano un segretario generale che restava in carica 4 anni e un presidente con durata di mandato un anno, ora la qualifica di segretario generale scompare, mentre resta quella di presidente con incarico quadriennale; nuova denominazione, poi, per il Comitato esecutivo che si trasforma in Consiglio direttivo. Poiché il congresso elettivo è stato quello del 2021, dopo un anno come segregario generale Giuseppe Carrieri diventa dunque presidente e lo rimarrà per 3 anni, mentre dopo un anno da presidente Andrea Tubaro assume la qualifica di presidente onorario del Congresso Siu. Il prossimo è in programma a Roma.

"Guidare gli urologi italiani rappresenta una sfida avvincente che spero di onorare al meglio delle mie possibilità - dichiara Carrieri - Credo in una Siu espressione di tutti gli urologi italiani, vicina alle loro esigenze, ideatrice e propositrice di processi di crescita culturale e professionale, garante di tutte le tutele richieste dalla nostra specialità. Oggi viviamo in uno scenario in rapida evoluzione, in cui i pazienti hanno acquisito maggior consapevolezza delle proprie problematiche, dei loro diritti e della loro capacità di scelta terapeutica. Non solo: nel nuovo contesto noi urologi saremo sempre più chiamati soprattutto a raffrontarci con i colleghi delle altre specialità, nell'ambito di una multidisciplinarietà ormai non più differibile. Aumenteranno i contatti con le istituzioni, sia per quanto riguarda i Drg sia per ciò che concerne la copertura urologica delle aree. E l'educazione sarà sempre più una sfida'".

Classe 1960, laurea all'Università Aldo Moro di Bari, specializzazione sempre a Bari - ricorda una nota - Carrieri è oggi direttore del Dipartimento di Urologia del Policlinico Riuniti e dell'Università di Foggia e professore ordinario di Urologia, oltre che prorettore, dello stesso ateneo. In curriculum vanta numerose esperienze internazionali, da Barcellona a Pittsburgh, successivamente alle quali la sua storia universitaria è proseguita in Puglia, tra Bari e Foggia dove ha partecipato alla creazione del Centro per i trapianti di rene. In Siu ha ricoperto numerose cariche dirigenziali, l'ultima a capo dell'Ufficio educazionale.

Nel dettaglio - elenca la nota - il Consiglio direttivo Siu è composto da Vincenzo Ficarra (responsabile Ufficio scientifico e professore di Urologia all'Università di Messina, oltre che direttore del Dipartimento di Urologia all'Azienda ospedaliero universitaria 'Gaetano Martino' di Messina); Andrea Minervini (responsabile Ufficio ricerca, direttore del Dipartimento di Urologia oncologica mininvasiva robotica e andrologica dell'Azienda ospedaliera universitaria Careggi, Firenze); Vincenzo Mirone (responsabile Ufficio risorse e comunicazione, professore di Urologia all'Università Federico II di Napoli e direttore del Dipartimento di Urologia); Andrea Salonia (responsabile Ufficio educazione, professore di Urologia all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano).

Presidente onorario del Congresso Siu Tubaro, professore ordinario di Urologia e direttore della Scuola di specializzazione in Urologia all'Università Sapienza di Roma, responsabile Uoc Urologia all'Azienda ospedaliero-universitaria Sant'Andrea di Roma.