Nuova diagnosi di tumore metastatico della prostata: la radioterapia non migliora la sopravvivenza


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Da un ampio trial randomizzato emerge che nei pazienti in cui è appena stato diagnosticato un tumore della prostata metastatico, la radioterapia non migliora la sopravvivenza totale.
  • Il trattamento potrebbe però risultare efficace in un sottogruppo di pazienti con minor carico metastatico.

Descrizione dello studio

  • Trial randomizzato di fase 3, in 2.061 pazienti con tumore alla prostata metastatico di nuova diagnosi, condotto in 117 ospedali di Svizzera e UK, controllato in aperto 1:1 tra gruppo con cure standard (n= 1.029 terapia antiandrogenica a vita + nel 18% dei pazienti, dal 2015, docetaxel) e gruppo con cure standard+radioterapia (n= 1.032, o giornaliera, 55 Gy in 20 frazioni per 4 settimane o settimanale 36 Gy in 6 frazioni per 6 settimane).
  • Stratificazione per ospedale, età al momento della randomizzazione, coinvolgimento linfonodale, stato generale (standard OMS), terapia antiandrogenica o docetaxel in programma e uso di aspirina o altri FANS.
  • Outcome primario: sopravvivenza globale (OS) analizzata per intention-to-treat.
  • Outcome secondari: sopravvivenza senza fallimento della terapia (FFS), sopravvivenza libera da progressione (PFS), sopravvivenza libera da progressione metastatica (MPFS), sopravvivenza specifica da tumore prostatico (PCS) e sopravvivenza libera da eventi sintomatici locali (LEFS).
  • Due analisi predefinite hanno studiato l’efficacia della radioterapia in sottogruppi con diverso carico metastatico alla baseline e con le due diverse schedule di radioterapia.
  • Fonte del finanziamento: Cancer Research UK, UK Medical Research Council, Swiss Group for Clinical Cancer Research, Astellas, Clovis Oncology, Janssen, Novartis, Pfizer e Sanofi-Aventis.

 

Risultati principali

  • Outcome primario OS: gruppo standard vs radioterapia HR 0,92 (IC 95% 0,80-1,06; P= 0,266),
  • Outcome secondario FFS: gruppo standard vs radioterapia HR 0,76 (IC 95% 0,68-0,84; P
  • La radioterapia è stata ben tollerata con un basso tasso di eventi avversi durante e dopo il trattamento.

Perché è importante

  • Questo ampio trial randomizzato fa chiarezza su dati preclinici e clinici precedenti che ipotizzavano il vantaggio di una radioterapia localizzata al tumore della prostata di nuova diagnosi nonostante la presenza di metastasi.