Nuoro, ritorno alla normalità e novità in arrivo per l'Ospedale San Francesco

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Nuoro, 31 ago. (Adnkronos Salute) - L'Ospedale San Francesco di Nuoro ritorna gradualmente alla normalità. Lo comunica la Asl n. 3 specificando che tutte le prestazioni sanitarie temporaneamente sospese per le criticità del personale stanno riprendendo.

Dal 5 settembre, presso l’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia verranno ripristinati i seguenti servizi ambulatoriali: prestazioni di Colposcopia al servizio dello screening di secondo livello nella prevenzione e diagnosi precoce dei tumori dell’utero; Ambulatorio ostetrico-ginecologico; diagnosi prenatale con la translucenza nucale. L’UO di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale San Francesco continua a farsi carico anche dell’utenza dell’Ogliastra, vista la persistenza della chiusura del punto nascita di Lanusei, che risale a prima dell’estate.

Per quanto riguarda il reparto di Chirurgia, dalla scorsa settimana ha ripreso l’attività di consulenza al pronto soccorso ed ai reparti ospedalieri e, gradualmente, si intende ritornare alla normalità. Si riparte dunque con gli interventi oncologici programmati che saranno effettuati a partire dal 5 settembre. Inoltre domani, 1 settembre, sarà ufficialmente riaperta l’attività dell’Unità Operativa Complessa di Urologia, mentre la Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia riaprirà martedì 6 settembre.

"Non solo l’attività dell’Ospedale San Francesco – dichiara il direttore generale dell’Asl n. 3 di Nuoro, Paolo Cannas – sta tornando, gradualmente, a pieno regime, ma già dalle prossime settimane contiamo di apportare importanti innovazioni, di cui presto daremo notizia, che contribuiranno al suo rilancio come DEA di I livello".

Strettamente connessa al progetto di potenziamento del San Francesco è l’attività di contrattazione con le organizzazioni sindacali, portata avanti dalla direzione strategica dell’Asl. Ieri pomeriggio il direttore Paolo Cannas ha presieduto un incontro decisivo con le rappresentanze sindacali della dirigenza medica e veterinaria, durante il quale è stato abbozzato un accordo sulla modalità di distribuzione delle Risorse Aggiuntive Regionali, per il triennio 2021-2023, che dovrebbero incentivare non poco l’arrivo di professionalità in quelle realtà sanitarie particolarmente bisognose di rinforzi.

Durante l’incontro si è anche parlato di graduazione delle funzioni: si è stabilito che sarà condivisa, entro la prossima settimana, massimo 10 giorni, una bozza di regolamento per una per una definizione della micro-organizzazione aziendale, in attesa che siano emanate dalla Regione le linee guida per gli atti aziendali delle aziende sanitarie, e procedere così al completamento della definizione degli assetti aziendali.