NSCLC: un nuovo inibitore di KRAS si rivela promettente nella sperimentazione di fase 2 KRYSTAL-1

  • Jänne PA & al.
  • N Engl J Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La sperimentazione di fase 2 KRYSTAL-1 riporta che adagrasib, un inibitore orale della proteina KRAS con la mutazione G12C, ottiene una risposta obiettiva nel 43% dei pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato.

Perché è importante

  • Circa il 25% degli NSCLC presenta la mutazione di sostituzione di una guanina con una cisteina nella proteina KRAS.
  • Adagrasib è il secondo inibitore di KRAS con la mutazione G12C e presenta vantaggi quali un’emivita più lunga e una migliore penetrazione del sistema nervoso centrale (SNC) rispetto al capostipite di questa classe di farmaci, sotorasib.
  • Adagrasib si lega in modo irreversibile e selettivo a KRAS con la mutazione G12C, impedendo alla proteina mutata di scatenare una crescita cellulare incontrollata.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione a gruppo singolo di adagrasib (600 mg) per via orale due volte al giorno in 116 pazienti affetti da NSCLC con KRAS con la mutazione G12C, trattati precedentemente con chemioterapia a base di platino e terapia anti-proteina di morte cellulare programmata 1 o anti-ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata.
  • L’esito primario era la risposta obiettiva (cioè la riduzione delle dimensioni del tumore) mediante revisione centrale indipendente in cieco.
  • Finanziamento: Mirati Therapeutics.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 12,9 mesi.
  • Il tasso di risposta obiettiva confermata (completa o parziale) è risultato pari al 42,9% (IC 95% 33,5%–52,6%) dei 112 pazienti con malattia misurabile al basale.
  • La durata mediana della risposta è stata di 8,5 mesi (IC 95% 6,2–13,8 mesi).
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è stata di 6,5 mesi (IC 95% 4,7–8,4 mesi).
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana è stata di 12,6 mesi (IC 95% 9,2–19,2 mesi) durante un follow-up mediano di 15,6 mesi.
  • Il tasso di risposta obiettiva intracranica confermata è risultato pari al 33,3% (IC 95% 18,0%–51,8%) di 33 pazienti con metastasi al SNC stabili trattate precedentemente.

Limite

  • Disegno non randomizzato.