NSCLC sottoposto a resezione: uno studio stima al 20% il rischio a 10 anni di un secondo tumore primitivo

  • Lung Cancer

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il rischio cumulativo di un secondo tumore polmonare primitivo (metacrono) è alto nei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio I–III sottoposto a resezione, specialmente nei pazienti che ricevono radioterapia toracica adiuvante.
  • I risultati indicano che è necessario il follow-up per tutta la vita dopo il trattamento chirurgico dell’NSCLC.

Perché è importante

  • Le linee guida raccomandano visite di follow-up e TC regolari dopo il trattamento chirurgico dell’NSCLC, ma non esiste consenso su frequenza o durata.

Disegno dello studio

  • 556 pazienti con NSCLC in stadio I–III sottoposto a resezione.
  • Follow-up mediano di 59 mesi.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 16,1% dei pazienti ha sviluppato tumore polmonare metacrono; il 71,4% di essi è deceduto durante il follow-up.
  • Il tempo mediano dal trattamento chirurgico alla diagnosi di tumore metacrono era di 47 mesi.
  • L’incidenza cumulativa di tumore polmonare metacrono era del 20,2% a 10 anni e del 25,2% a 14 anni.
  • Nei primi 5 anni post-intervento il rischio annuale ha raggiunto un picco dopo 4 anni (5,8%; IC 95%, 3,6%–8,6%) e persisteva oltre il 9° anno.
  • I fattori di rischio di malattia metacrona includevano:
    • ricevimento di radioterapia toracica postoperatoria (rischio relativo di secondo tumore polmonare primitivo [sdRH]=2,79; P=0,003);
    • età ≥70 anni (sdRH corretto=1,57; P=0,06).

Limiti

  • Studio retrospettivo.