NSCLC oligometastatico: pembrolizumab riduce la progressione dopo la terapia locale

  • Bauml JM & al.
  • JAMA Oncol
  • 11/07/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) oligometastatico che ricevono pembrolizumab dopo la terapia ablativa locale (local ablative therapy, LAT) ottengono una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) quasi 3 volte maggiore rispetto alla PFS riportata in studi precedenti della sola LAT.

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio a dimostrare esiti migliori con immunoterapia dopo la LAT nell’NSCLC oligometastatico.
  • È in programma una sperimentazione multicentrica randomizzata della LAT con/senza pembrolizumab. 

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2.
  • Quarantacinque pazienti con NSCLC oligometastatico alla diagnosi hanno ricevuto pembrolizumab 4–12 settimane dopo il trattamento con LAT (chirurgia, chemioradioterapia, radioterapia stereotassica e/o ablazione interventistica).
  • Follow-up mediano di 25,0 mesi.
  • Finanziamento: Merck & Co., Inc., Kenilworth, NJ, USA; Abramson Cancer Center.

Risultati principali

  • La PFS mediana dall’inizio della LAT (PFS-L) era significativamente maggiore rispetto a quella osservata negli studi precedenti (19,1 vs. 6,6 mesi; P=0,005).
  • La PFS mediana dall’inizio della terapia con pembrolizumab (PFS-P) era di 18,7 mesi.
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) era del 90,9% a 1 anno e del 77,5% a 2 anni.
  • Ventitré pazienti hanno subito progressione della malattia.
  • Solo 1 paziente ha riferito un evento avverso di grado 4 (polmonite).
  • Nessuna associazione tra PFS-L e stato per PD-L1 o CD8.
  • Non è stata riportata alcuna diminuzione della qualità della vita.

Limiti

  • Studio monocentrico, a gruppo singolo.