NSCLC: nivolumab dopo la progressione della malattia offre un miglioramento della OS

  • Ricciuti B & al.
  • Clin Lung Cancer
  • 27/02/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato trattato precedentemente che ricevono nivolumab dopo la progressione della malattia ottengono una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) significativamente maggiore rispetto a quelli che interrompono il trattamento dopo la progressione della malattia, in base ai criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi (Response Evaluation Criteria in Solid Tumors, RECIST) v1.1.

Perché è importante

  • I risultati evidenziano la necessità di nuovi criteri per la valutazione della risposta tumorale nell’NSCLC trattato mediante immunoterapia.

Disegno dello studio

  • Centosettantasei pazienti con NSCLC recidivante sono stati trattati con nivolumab in monoterapia come seconda o successiva linea di trattamento.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 34,1% dei pazienti è stato trattato dopo la progressione (treated beyond progression, TBP) per >6 settimane; il 65,9% dei pazienti non è stato trattato dopo la progressione (not treated beyond progression, NTBP).
  • La OS mediana era significativamente maggiore nel gruppo TBP rispetto al gruppo NTBP (17,8 mesi vs 3,7 mesi; P
  • L’analisi in momenti specifici (“landmark”) dei pazienti valutabili a partire da 6 settimane dalla prima progressione ha indicato che il gruppo TBP ha ottenuto una OS mediana migliore (10,7 vs. 3,4 mesi; HR: 0,48; P=0,002).
  • Il 13,3% del gruppo TBP ha evidenziato una diminuzione delle lesioni bersaglio (>30%) rispetto al basale.
  • L’interruzione dell’assunzione di nivolumab alla prima progressione era associata a una OS peggiore (aHR: 2,98; P
  • L’incidenza di eventi avversi di qualsiasi grado era maggiore nel gruppo TBP (60% vs. 39,6%), ma non sono state osservate differenze significative negli eventi avversi di grado ≥3 tra i gruppi.

Limiti

  • Studio retrospettivo con campione TBP di piccole dimensioni.