NSCLC metastatico: il nuovo aggiornamento delle linee guida per la pratica clinica dell’NCCN si concentra sulle terapie mirate

  • Ettinger DS & al.
  • J Natl Compr Canc Netw

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’ultimissimo aggiornamento delle Linee guida per la pratica clinica in oncologia per il tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) del National Comprehensive Cancer Network (NCCN) (versione 3, 2022) si concentra sulle terapie mirate per l’NSCLC metastatico con mutazioni “azionabili”.
  • Una raccomandazione aggiornata consiglia test per nuove mutazioni del recettore del fattore di crescita dell’epidermide (epidermal growth factor receptor, EGFR) che, secondo nuove evidenze, rispondono a terapie mirate con inibitori tirosin-chinasici (tyrosine kinase inhibitor, TKI).

Perché è importante

  • I pazienti affetti da NSCLC metastatico con mutazioni “azionabili” vivono più a lungo grazie alle terapie mirate.

Disegno dello studio

  • Procedura di consenso basata su nuove evidenze.
  • Finanziamento: i componenti del comitato non hanno ricevuto alcun compenso.

Punti principali delle nuove raccomandazioni

  • I test molecolari devono essere diretti a nuove mutazioni dell’EGFR, tra cui EGFR S768I, L86IQ e G719X, perché rispondono ad alcuni TKI come la terapia di prima linea preferita con afatinib oppure osimertinib.
    • Altre terapie raccomandate per queste mutazioni sono erlotinib, gefitinib o dacomitinib.
  • Il profilo genomico può ora essere utilizzato per valutare i meccanismi di resistenza dei pazienti che subiscono progressione nonostante la terapia mirata.
  • I biomarcatori molecolari “azionabili” emergenti includono amplificazione di MET di alto livello e mutazioni di ERBB2 (HER2).
  • Qualsiasi variante classificata come “variante di significato incerto” non deve essere un bersaglio, anche se interessa un gene contenente altre varianti clinicamente “azionabili”.
  • Non utilizzare il singolo agente vandetanib come terapia di prima linea per l’NSCLC metastatico positivo per riarrangiamenti di RET, perché altre opzioni terapeutiche sono migliori.