NSCLC: la terapia aggiuntiva con bevacizumab può proteggere contro l’esacerbazione acuta dell’ILD

  • Hamada S & al.
  • BMC Pulm Med
  • 02/04/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia potrebbe ridurre il rischio di esacerbazione acuta dell’interstiziopatia polmonare (acute exacerbation of interstitial lung disease, AE-ILD) correlata alla chemioterapia nei pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) con un’anamnesi di ILD.

Perché è importante

  • Fino al 43% dei pazienti con tumore del polmone sviluppa AE-ILD correlata alla chemioterapia, causa di decesso nel 27,9% dei pazienti che la sviluppano.

Disegno dello studio

  • Quarantotto pazienti con NSCLC non squamoso e ILD preesistente sono stati trattati con chemioterapia di prima linea con l’aggiunta di bevacizumab (n=17) o senza (n=31).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La chemioterapia utilizzata più comunemente era carboplatino-pemetrexed (gruppo trattato con bevacizumab: 88,2%; gruppo non trattato con bevacizumab: 80,6%).
  • L’incidenza di AE-ILD 120 giorni dopo il trattamento era inferiore in caso di aggiunta di bevacizumab (0% vs. 22,6%; P=0,037).
  • Nei pazienti trattati con pemetrexed l’incidenza di AE-ILD era inferiore in caso di aggiunta di bevacizumab (0% vs. 24,0%; P=0,044).
  • Età dei pazienti (P=0,019) e ricevimento di bevacizumab (P=0,041) erano associati in modo significativo all’incidenza di AE-ILD.
  • Nei pazienti che hanno ricevuto chemioterapia aggiuntiva (88,2% del gruppo trattato con bevacizumab e 77,4% del gruppo non trattato con bevacizumab) l’incidenza di AE-ILD era del 13,3% con bevacizumab rispetto al 20,8% senza.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era significativamente maggiore in caso di aggiunta di bevacizumab (8,0 vs. 4,3 mesi; P=0,026), ma la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana non differiva significativamente tra gruppi.

Limiti

  • Studio retrospettivo.