NSCLC: la relazione di consenso europea definisce la malattia oligometastatica

  • Dingemans AC & al.
  • J Thorac Oncol
  • 06/08/2019

  • Oncology guidelines update
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli esperti di oncologia toracica convocati dal Gruppo per il tumore polmonare (Lung Cancer Group) dell’European Organization of Research and Treatment of Cancer hanno sviluppato la prima dichiarazione di consenso sulla definizione e sulla stadiazione del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) oligometastatico sincrono (synchronous oligometastatic, sOM), che potrebbe essere utile anche per la diagnosi, il trattamento e la ricerca clinica.

Perché è importante

  • Sperimentazioni cliniche condotte in passato hanno portato all’inclusione dell’NSCLC sOM come entità terapeutica speciale nelle linee guida dell’European Society of Medical Oncology (ESMO) e del National Comprehensive Cancer Network (NCCN) del 2016 e del 2018, che tuttavia utilizzavano definizioni e procedure di stadiazione diverse per la malattia.

Elementi chiave

  • La definizione di NSCLC sOM include un massimo di 5 metastasi e di 3 organi; il coinvolgimento dei linfonodi mediastinici non è considerato una sede di metastasi.
  • La stadiazione richiede tomografia a emissione di positroni (positron emission tomography, PET) con 18fluorodeossiglucosio (18F-FDG-PET-TC) e diagnostica per immagini cerebrale.
  • Per la stadiazione, i pazienti con una metastasi epatica solitaria devono essere sottoposti a RM epatica dedicata. Quelli con una metastasi pleurica solitaria devono essere sottoposti a toracoscopia e biopsia delle sedi pleuriche ipsilaterali distanti.
  • La 18F-FDG-PET-TC è il requisito minimo per la stadiazione mediastinica, con conferma istopatologica se i risultati influenzano la strategia terapeutica.
  • Le sedi delle metastasi solitarie devono essere sottoposte a biopsia a meno che il team multidisciplinare non stabilisca che i rischi superano i benefici.

Limiti

  • Mancanza di evidenze cliniche.
  • Gruppo di esperti interamente europeo.