NSCLC: la frequenza delle cellule staminali tumorali potrebbe essere legata al rischio di recidiva dei tumori in stadio IIIA

  • Masciale V & al.
  • Stem Cells Transl Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Si ritiene che le cellule staminali tumorali (cancer stem cell, CSC), in virtù del loro potenziale proliferativo illimitato e della loro capacità di autorinnovamento, promuovano la recidiva dei tumori.
  • Sebbene non esista alcuna associazione, complessivamente, tra frequenza delle CSC e rischio di recidiva del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC), in un sottogruppo, i tumori in stadio IIIA, si osserva una maggiore associazione tra di essi.

Perché è importante

  • La frequenza di CSC più elevata potrebbe potenzialmente essere utilizzata come fattore prognostico per l’NSCLC in stadio IIIA.
  • La frequenza delle CSC può spiegare perché pazienti affetti da NSCLC con linfonodi negativi sottoposti a resezione completa sono a rischio di recidiva.

Disegno dello studio

  • Coorte prospettica di pazienti affetti da NSCLC (n=35) in stadio patologico I–IIIA nei suoi 2 istotipi principali (adenocarcinoma e carcinoma polmonare a cellule squamose), nella quale è stata analizzata l’influenza della frequenza delle CSC sul tasso di recidiva.
  • La frequenza delle CSC è stata analizzata quantitativamente nel tessuto prelevato con biopsia mediante analisi citofluorimetrica con il biomarcatore aldeide deidrogenasi.
  • I risultati sono riportati come hazard ratio (HR) associato a un aumento dell’1% della frequenza di CSC.
  • Finanziamento: Ospedale Universitario di Modena (Italia); Myriad Inc.; altri.

Risultati principali

  • Non è stata osservata alcuna correlazione tra la frequenza di CSC nei vari stadi e negli istotipi oggetto di studio e il rischio di recidiva (HR=1,05; IC 95%, 0,85–1,30).
  • Nell’analisi di sottogruppo, ciascun aumento dell’1% delle CSC è risultato associato a un aumento del 26% del rischio di recidiva nei pazienti con tumori in stadio IIIA (HR=1,26; IC 95%, 1,14–1,39).

Limiti

  • Disegno osservazionale.