NSCLC: la combinazione carboplatino-pemetrexed è migliore di docetaxel negli anziani

  • Okamoto I & al.
  • JAMA Oncol
  • 12/03/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Carboplatino più pemetrexed seguiti da terapia di mantenimento con pemetrexed ottengono una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) significativamente maggiore rispetto a docetaxel nei pazienti anziani affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) non squamoso localmente avanzato non trattato.

Perché è importante

  • Si tratta della prima sperimentazione di fase 3 specifica per pazienti di età ≥75 anni affetti da NSCLC non squamoso in stadio avanzato.

Disegno dello studio

  • 433 pazienti con NSCLC non trattato hanno ricevuto docetaxel in monoterapia (n=217) o carboplatino più pemetrexed seguiti da terapia di mantenimento con pemetrexed (n=216).
  • Finanziamento: Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare giapponese; altri.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 17,1 mesi.
  • La PFS mediana era significativamente maggiore con carboplatino-pemetrexed rispetto a docetaxel:
    • 6,4 rispetto a 4,3 mesi (HR=0,739; P
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) è risultata non inferiore con carboplatino-pemetrexed rispetto a docetaxel (HR=0,850; P per la non inferiorità=0,003).
  • OS mediana:
    • 15,5 mesi (IC 95%, 13,6–18,4 mesi) con docetaxel; 
    • 18,7 mesi (IC 95%, 16,0–21,9 mesi) con carboplatino-pemetrexed.
  • Tassi di OS a 2 anni:
    • 33,4% (IC 95%, 27,1%–39,8%) con docetaxel; 
    • 40,0% (IC 95%, 33,4%–46,5%) con carboplatino-pemetrexed.
  • Il trattamento con carboplatino-pemetrexed ha evidenziato:
    • tassi inferiori di leucopenia (28,0% vs. 68,7%) e neutropenia (46,3% vs. 86,0%) di grado 3/4 e di neutropenia febbrile (4,2% vs. 17,8%);
    • tassi maggiori di trombocitopenia (25,7% vs. 1,4%) e anemia (29,4% vs. 1,9%) di grado 3/4.

Limiti

  • Coorte completamente giapponese.