NSCLC in stadio avanzato: una metanalisi indica che gli AE immuno-correlati sono predittivi di efficacia degli ICI

  • Zhang Q & al.
  • Cancer Chemother Pharmacol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una metanalisi, l’insorgenza di eventi avversi immuno-correlati (immune-related adverse event, irAE) è associata a una migliore efficacia degli inibitori del checkpoint immunitario (immune checkpoint inhibitor, ICI) nel tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato.

Perché è importante

  • La correlazione tra irAE e una migliore efficacia degli ICI (inibitori della proteina di morte cellulare programmata 1 o del ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata) è oggetto di controversie.
  • Gli ICI stimolano le cellule immunitarie dell’organismo ad attaccare il tumore, ma possono anche promuovere un attacco agli organi normali da parte del sistema immunitario.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 24 studi (coorte prospettica o coorte retrospettiva) dopo una ricerca nei database PubMed ed EMBASE.
  • Esiti primari: sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • Finanziamento: Major Program of Nanjing Medical Science and Technique Development Foundation.

Risultati principali

  • Rispetto ai non-irAE, lo sviluppo di irAE è risultato associato a una migliore efficacia degli ICI:
    • PFS, HR=0,55; P<0,001;
    • OS, HR=0,74; P<0,001.
  • L’analisi di sottogruppo ha evidenziato una PFS migliore in caso di:
    • irAE endocrini, HR=0,59; P<0,001;
    • irAE gastrointestinali, HR=0,62; P<0,001;
    • lesioni cutanee, HR=0,56; P<0,001;
    • irAE di basso grado, HR=0,53; P=0,01;
    • irAE di grado grave, HR=0,76; P=0,003;
    • irAE epatobiliari e polmonari, non significativo.
  • L’analisi di sottogruppo ha evidenziato una OS migliore in caso di:
    • irAE endocrini, HR=0,50; P<0,001;
    • irAE gastrointestinali, HR=0,61; P<0,001;
    • lesioni cutanee, HR=0,53; P<0,001;
    • irAE di basso grado, HR=0,70; P=0,045;
    • irAE epatobiliari e polmonari, non significativo.

Limiti

  • La maggioranza degli studi inclusi erano coorti retrospettive.
  • Il numero di pazienti non è indicato.