NSCLC in stadio avanzato: l’efficacia dell’immunoterapia può dipendere dal livello del carico mutazionale del tumore nel sangue

  • Ba H & al.
  • BMC Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi indica che l’efficacia dell’immunoterapia con inibitori della proteina di morte cellulare programmata 1 (programmed cell death-1, PD-1)/del ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death-ligand 1, PD-L1) nel tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato o metastatico può dipendere dal livello del carico mutazionale del tumore misurato nel sangue (blood-based tumor mutation burden, bTMB).

Perché è importante

  • Il bTMB è un esame non invasivo.
  • I risultati suggeriscono che il livello di bTMB potrebbe aiutare a decidere quali pazienti debbano ricevere immunoterapia; gli autori dello studio considerano tuttavia i risultati “esplorativi”.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 6 sperimentazioni randomizzate e controllate (randomized controlled trial, RCT; n=2.338; 5 di fase 3, 1 di fase 2) dopo una ricerca nei database PubMed, EMBASE, Cochrane, Web of Science e ClinicalTrials.gov.
  • Il livello di bTMB è stato definito come il numero di mutazioni per megabase di DNA tumorale circolante; i gruppi con alto TMB e con basso TMB dipendevano dai valori soglia utilizzati in ciascuna RCT.
  • Finanziamento: Natural Science Foundation della Provincia di Anhui, Cina; CSPC PHARMA; altri.

Risultati principali

  • Un alto livello di bTMB è risultato associato all’efficacia della terapia con inibitori di PD-1/PD-L1 rispetto alla chemioterapia:
    • migliore sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; HR=0,62; P<0,01);
    • migliore sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS; HR=0,57; P<0,01);
    • migliore tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR; OR=2,69; P<0,01).
  • Un basso bTMB è risultato associato a:
    • OS non migliore (HR=0,86; P=0,17);
    • PFS non migliore (HR=1,00; P=0,98);
    • ORR peggiore (OR=0,63; P<0,01).
  • I risultati sono coerenti tra sottogruppi, ad esempio in base a regime terapeutico, linea di terapia ed espressione di PD-L1.

Limiti

  • Poche RCT.
  • Impossibilità di analizzare la tossicità della terapia in relazione al livello di bTMB.