NSCLC in stadio avanzato: il carboplatino non è inferiore al cisplatino alla dose maggiore

  • Eur J Cancer

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Combinato a gemcitabina, il carboplatino non è inferiore al cisplatino 80 mg/m2 come trattamento di prima linea per il tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC), ma è associato a un numero significativamente maggiore di eventi avversi.
  • Il cisplatino a una dose di 50 mg/m2 ha ottenuto una sopravvivenza significativamente inferiore rispetto alla dose maggiore.

Perché è importante

  • La dose inferiore di cisplatino (50 mg/m2) è usata diffusamente nel Regno Unito.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3, multi-braccio, randomizzata e multicentrica.
  • 1.363 pazienti con NSCLC hanno ricevuto gemcitabina + cisplatino 80 mg/m2 (GC80; n=456), cisplatino 50 mg/m2 (GC50; n=454) o carboplatino AUC6 (GCb6; n=453).
  • Finanziamento: Cancer Research UK; Eli Lilly and Company Ltd.

Risultati principali

  • Il tasso di risposta era significativamente inferiore nel gruppo GC50 rispetto agli altri gruppi (20% vs. 29% nel gruppo GC80 e 27% nel gruppo GCb6).
  • La sopravvivenza a 1 anno era del 39% nel gruppo GC80 e GCb6, ma solo del 31% nel gruppo GC50.
  • La sopravvivenza mediana era di 8,2 mesi con GC50 rispetto a 9,5 mesi con GC80 e 10,0 mesi con GCb6.
  • Il 60% dei pazienti nel gruppo GCb6 ha riferito eventi avversi ≥1 di grado 3/4 rispetto al 43% nel gruppo GC80 e al 30% in quello GC50.

Limiti

  • Lo studio è stato concluso prima dell’uso diffuso del test di mutazioni attivanti del recettore del fattore di crescita dell’epidermide e del gene della chinasi del linfoma anaplastico.