NSCLC in stadio avanzato: evidenze nel mondo reale dell’efficacia di nivolumab nello studio IFCT-1502 CLINIVO

  • Molinier O & al.
  • ESMO Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’immunoterapia con nivolumab, dopo il fallimento della chemioterapia di prima linea, è associata a sopravvivenza a lungo termine nel tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato secondo lo studio nel mondo reale dell’intergruppo cooperativo toracico francese (Intergroupe Francophone de Cancérologie Thoracique, IFCT)-1502 CLINIVO.

Perché è importante

  • IFCT-1502 CLINIVO è il più ampio studio nel mondo reale di nivolumab per l’NSCLC in stadio avanzato.
  • I risultati confermano l’efficacia di nivolumab osservata nelle sperimentazioni cliniche.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte retrospettivo a livello nazionale di casi consecutivi di NSCLC in stadio avanzato (n=902) dopo il fallimento della chemioterapia di prima linea.
  • I dati provengono dalle cartelle cliniche di 69 centri di sperimentazione in tutta la Francia.
  • Finanziamento: BMS, Francia; Ligue nationale contre le cancer francese.

Risultati principali

  • Il 35% dei casi era costituito da NSCLC a cellule squamose e il 65% a cellule non squamose.
  • La risposta migliore è stata risposta obiettiva nel 18,8% dei pazienti, malattia stabile nel 35,5% e progressione della malattia nel 45,0%.
  • Tassi di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) e di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS):
    • a 2 anni, rispettivamente 8% e 25%;
    • a 3 anni, rispettivamente 6% e 16%;
    • a 5 anni, rispettivamente 4% e 10%.
  • Una OS inferiore è risultata associata a:
    • stato di validità ≥2 (HR=2,05; P<0,001);
    • istologia squamosa (HR=1,23; P=0,01);
    • metastasi a carico del sistema nervoso centrale (HR=1,23; P=0,03);
    • metastasi epatiche (HR=1,58; P<0,001);
    • metastasi ossee (HR=1,26; P=0,004).
  • Dopo l’interruzione della terapia con nivolumab, 492 pazienti hanno ricevuto almeno 1 trattamento, nel 91% dei casi terapie sistemiche.

Limiti

  • Disegno osservazionale retrospettivo senza gruppo di controllo.
  • Dati basati sulle cartelle cliniche.