NSCLC in stadio avanzato: efficacia nel mondo reale quando la terapia con ICI viene interrotta dopo >18 mesi senza progressione della malattia

  • Bilger G & al.
  • Cancer Immunol Immunother

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio nel mondo reale indica che la risposta del tumore e la risposta metabolica completa sono predittive del controllo a lungo termine della malattia quando la terapia con inibitori del checkpoint immunitario (immune checkpoint inhibitor, ICI) viene interrotta dopo un minimo di 18 mesi senza progressione della malattia (disease progression, DP) nei pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato.

Perché è importante

  • La più ampia coorte nel mondo reale di pazienti affetti da NSCLC in stadio avanzato che hanno scelto di interrompere la terapia con ICI senza DP.
  • I risultati sono compatibili con quelli dello studio KEYNOTE-24, che ha riportato risultati concernenti il controllo della malattia dopo 2 anni di terapia con ICI.

Disegno dello studio

  • Coorte multicentrica nel mondo reale di 54 pazienti che presentavano controllo del tumore e che hanno scelto di interrompere la terapia con ICI dopo >18 mesi.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Durata mediana del trattamento: 26 mesi.
  • Il trattamento è stato interrotto per scelta del medico prescrittore (46%) o a causa di tossicità (22%).
  • Dopo l’interruzione:
    • la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 12 mesi è risultata del 90% (IC 95%, 77,7%–95,7%) e la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) del 71% (IC 95%, 56,8%-81,5%);
    • la OS a 24 mesi è risultata dell’84% (IC 95%, 68,7%-92,2%) e la PFS del 63% (IC 95%, 46,1%-76,2%).
  • La durata del controllo della malattia dopo l’interruzione della terapia è risultata associata alla risposta del tumore al momento dell’interruzione del trattamento:
    • il tasso di PFS a 12 mesi è risultato del 76% dopo una risposta completa o parziale rispetto al 22% dopo malattia stabile; P=0,0002;
    • il tasso di PFS a 12 mesi è risultato dell’80% in caso di risposta completa e/o risposta metabolica completa secondo la tomografia a emissione di positroni con 18F-fluorodeossiglucosio/TC rispetto al 65% per gli altri pazienti; P=0,077.

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.