NSCLC in stadio avanzato con mutazioni di HER2: trastuzumab, pertuzumab e docetaxel si rivelano promettenti nella fase 2 di sperimentazione

  • Mazieres J & al.
  • J Clin Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo la sperimentazione IFCT-1703 R2D2, la triplice terapia con trastuzumab, pertuzumab e docetaxel evidenzia efficacia preliminare e risulta tollerabile nei pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato con mutazioni di HER2.
  • Il tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) è del 29%.

Perché è importante

  • Questa sperimentazione rappresenta la prima volta in cui una terapia mirata con 2 anticorpi monoclonali diretti contro la proteina HER2, più docetaxel, viene somministrata a questo raro sottogruppo (1%–2%) di NSCLC.
  • La triplice terapia è stata sperimentata con successo nel tumore mammario che sovraesprime HER2.
  • Gli autori dello studio raccomandano di valutare la triplice terapia per l’NSCLC con mutazioni di HER2.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, multicentrica, non randomizzata di pazienti francesi che avevano subito progressione dopo ≥1 terapia a base di platino (n=45).
  • Dopo dosi di carico più elevate, le pazienti hanno ricevuto 420 mg di pertuzumab per via endovenosa (EV), 6 mg/kg di trastuzumab per via EV e 75 mg/m2 di docetaxel per via EV (quest’ultimo senza dose di carico), tutti ogni 3 settimane.
  • Esito primario: ORR.
  • Finanziamento: Roche; Intergroupe Francophone de Cancerologie Thoracique.

Risultati principali

  • Durata mediana del trattamento di 4,9 mesi.
  • Follow-up mediano di 12 mesi.
  • ORR del 29% (IC 95%, 17,8%–40,0%).
  • Malattia stabile del 58% (IC 95%, 45,7%–69.9%).
  • Sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 6,8 mesi (IC 95%, 4,0–8,5 mesi).
  • Il 64% dei pazienti ha sviluppato eventi avversi (adverse event, AE) correlati al trattamento di grado 3/4, ma non ci sono state interruzioni del trattamento a causa di tossicità.
  • Gli AE correlati al trattamento di grado ≥3 più comuni sono stati:
    • neutropenia (33%);
    • diarrea (13%);
    • anemia (9%).

Limiti

  • Disegno osservazionale, in aperto.
  • Mancanza di gruppo di confronto.