NS-NSCLC in stadio avanzato: secondo una metanalisi di rete la combinazione ICI-chemioterapia è migliore di bevacizumab-chemioterapia come trattamento di prima linea

  • Zhai J & al.
  • Cancer Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia di prima linea con inibitori del checkpoint immunitario (immune checkpoint inhibitor, ICI) più chemioterapia (ICI-chemio) ottiene una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore rispetto alla combinazione di prima linea bevacizumab con chemioterapia (bev-chemio), secondo una metanalisi di rete di pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule non squamoso (nonsquamous non-small cell lung cancer, NS-NSCLC) in stadio avanzato.

Perché è importante

  • I risultati concordano con quelli della sperimentazione clinica randomizzata IMpower (una sperimentazione inclusa in questa metanalisi di rete).
  • Gli autori della metanalisi di rete avvertono che sono necessarie altre sperimentazioni cliniche randomizzate (randomized clinical trial, RCT) di confronto diretto per confermare questi risultati.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di rete di 15 RCT che hanno coinvolto 6.561 pazienti affetti da NS-NSCLC in stadio avanzato identificate mediante una ricerca nei database PubMed, EMBASE, Cochrane Library e in abstract di conferenze.
  • Le RCT dovevano valutare ICI-chemio, bev-chemio o sola chemioterapia.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Delle 15 RCT, 7 hanno confrontato bev-chemio con la chemioterapia, 7 hanno confrontato ICI-chemio con la chemioterapia e 1 ha confrontato ICI-chemio con bev-chemio (sperimentazione IMpower).
  • La terapia di prima linea ICI-chemio ha evidenziato una OS del 21% più lunga rispetto a bev-chemio (HR=0,79; IC 95%, 0,66–0,94).
  • Nessuna differenza tra ICI-chemio e bev-chemio in termini di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) ed eventi avversi correlati al trattamento (treatment-related adverse event, TRAE) di grado ≥3.
  • I grafici di classificazione (ranking plot) hanno suggerito che la combinazione lCI-chemio presenta la massima probabilità di offrire quanto segue:
    • migliore OS (probabilità, 0,993);
    • migliore PFS (probabilità, 0,658);
    • migliore ORR (probabilità, 0,565).
  • I grafici di classificazione hanno inoltre suggerito che la combinazione bev-chemio presenta il rischio massimo di TRAE di grado ≥3 (probabilità, 0,833).

Limiti

  • Gli ICI variavano tra gli studi.