Niente bibite zuccherate sul luogo di lavoro, e la salute ci guadagna


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Eliminare la vendita di bevande addolcite con zucchero (sugar-sweetened beverages, SSB) sul posto di lavoro ha ridotto il consumo di tali bibite tra i dipendenti nell’arco di 10 mesi.
  • L’intervento ha portato anche a una riduzione significativa del girovita dei dipendenti.
  • Interventi mirati in soggetti a rischio, in aggiunta al divieto, migliorano ulteriormente i risultati.
  • Questo tipo di divieto rappresenta una importante strategia da mettere in atto nel settore privato per limitare i danni alla salute delle bibite zuccherate.

Descrizione dello studio

  • Lo studio prima-dopo e un ulteriore studio randomizzato condotto presso università e ospedale della California del nord ha valutato assunzione di SSB, misure antropometriche e biomarcatori cardiometabolici in 214 impiegati full-time, consumatori assidui di SSB (quantità uguale o superiore a 360 mL al giorno) prima e 10 mesi dopo l’introduzione del divieto di vendita di SSB sul luogo di lavoro.
  • Metà dei dipendenti è stata randomizzata a ricevere un brief motivazionale rivolto alla riduzione del consumo di SSB.
  • Il gruppo controllo era formato dai partecipanti che non avevano ricevuto il brief motivazionale.
  • Gli esiti includevano i cambiamenti nell’assunzione di SSB, l’Homeostatic Model Assessment of Insulin Resistance (HOMA-IR) e misure dell’adiposità adominale.
  • È stata valutata la correlazione tra i cambiamenti nell’assunzione di SSB e i cambiamenti nell’HOMA-IR.
  • Fonte di finanziamento: University of California, Brin-Wojcicki Foundation, Robert Wood Johnson Foundation, Laura and John Arnold Foundation.

Risultati principali

  • I partecipanti (57,9% donne, indice di massa corporea medio al basale 29,4) hanno riferito un’assunzione media giornaliera di 1.050 mL di SSB al basale e 540 mL al follow-up, con una riduzione di 510 mL (48,6%) (P
  • È stata osservata una correlazione tra riduzione del consumo di SSB e miglioramento nell’indice HOMA-IR (r=0,16; P=0,03).
  • I partecipanti del gruppo controllo hanno mostrato una riduzione dell’assunzione di SSB pari in media a 246 mL, mentre per quelli che hanno ricevuto il brief la riduzione è stata di 762 mL.
  • La circonferenza vita media si è ridotta in modo significativo dal basale al follow-up (2,1 cm; P

Limiti dello studio

  • Non è stato incluso un controllo inteso come luogo di lavoro nel quale il divieto non era in vigore.
  • L’assunzione di bevande zuccherate è stata riferita dai dipendenti e potrebbe essere poco accurata.

Perché è importante

  • Le SSB rappresentano il 34% dello zucchero aggiunto nella dieta statunitense e sono fattori di rischio per obesità e malattia cardiometabolica.
  • In alcuni luoghi di lavoro è stata promossa l’adozione di scelte più sane in termini di bevanda, ma ciò potrebbe non essere sufficiente.
  • Secondo alcuni esperti il divieto di vendere opzioni meno sane (come le SSB) può essere una strategia più efficace per ridurre il consumo di SSB e migliorare la salute dei dipendenti.