Niente alcol se c’è fibrillazione atriale


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In soggetti bevitori e con fibrillazione atriale (FA), l’astinenza dal consumo di alcol si traduce in una riduzione del peso generale del disturbo
  • L’astinenza riduce inoltre il rischio di ricorrenza della FA.

Descrizione dello studio

  • Lo studio multicentrico, prospettico, in aperto, randomizzato e controllato è stato condotto in 6 ospedali australiani.
  • Sono stati arruolati adulti che consumavano 10 o più drink (1 drink pari a circa 12 g di alcol puro) a settimana e con diagnosi di FA parossistica o persistente in ritmo sinusale al basale.
  • Ai 140 partecipanti è stato chiesto di astenersi dall’alcol (n=70) o continuare il consumo abituale (n=70).
  • Gli endpoint primari erano l’assenza di ricorrenza di FA (dopo un periodo di 2 settimane) il peso totale della FA (proporzione di tempo in FA) nel corso di un follow-up di 6 mesi.
  • Fonte di finanziamento: tra gli altri, Government of Victoria Operational Infrastructure Support Program.

Risultati principali

  • I pazienti nel gruppo astinenza hanno ridotto dell’87,5% l’assunzione di alcol (da 16,8 a 2,1 drink a settimana), quelli nel gruppo controllo del 19,5% (da 16,4 a 13,2).
  • Dopo 2 settimane, sono state osservate ricorrenze di FA nel 53% e nel 73% dei pazienti nei gruppi astinenza e controllo, rispettivamente.
  • Rispetto al gruppo controllo, il gruppo astinenza ha mostrato un periodo libero da ricorrenza di FA più lungo (hazard ratio, 0,55; P=0,005).
  • Il peso della FA nel corso dei 6 mesi di follow-up è risultato significativamente più basso nel gruppo astinenza rispetto al gruppo controllo (percentuale media di tempo in FA 0,5% vs. 1,2%; P=0,01).

Limiti dello studio

  • Lo studio ha coinvolto una popolazione eterogenea nella quale la FA è stata misurata con modalità differenti.
  • L’accuratezza delle informazioni sul consumo di alcol non è perfetta.
  • Mancavano dati per poter arrivare a conclusioni certe anche sugli esiti secondari.

Perché è importante

  • La FA è un disturbo molto comune e una delle principali cause di ictus.
  • Studi osservazionali suggeriscono un legame tra consumo di alcol e FA incidente, anche alla dose di 7-14 drink a settimana.
  • Ad oggi sono disponibili pochi dati sull’effetto dell’astinenza da alcol sugli esiti di FA in pazienti che sono affetti dal disturbo.