Nel tumore pancreatico, il trattamento chirurgico è collegato a una sopravvivenza migliore dei pazienti anziani

  • Park HM & al.
  • BMC Cancer
  • 12/11/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una piccola analisi retrospettiva, il trattamento chirurgico è associato a tassi di sopravvivenza migliori dei pazienti anziani con tumore pancreatico rispetto al mancato trattamento chirurgico.

Perché è importante

  • Tradizionalmente i pazienti anziani non sono sottoposti a trattamento chirurgico a causa del timore di complicanze, ma studi recenti hanno indicato che non ci sono differenze nella mortalità a 90 giorni o nella morbilità grave nei pazienti anziani.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva delle cartelle cliniche del National Cancer Center di Corea (n=49; età ≥75 anni; 38 pazienti sottoposti a trattamento chirurgico; 11 non sottoposti a trattamento chirurgico).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Trattamento chirurgico: intervento di Whipple (6 interventi chirurgici), duodenopancreasectomia con conservazione del piloro (16 interventi chirurgici), pancreatectomia totale (4 interventi chirurgici), pancreatectomia distale (12 interventi chirurgici).
  • Gruppo non sottoposto a trattamento chirurgico: 3 pazienti non hanno potuto essere trattati chirurgicamente a causa dello scarso stato di salute, 8 hanno rifiutato il trattamento chirurgico o altri trattamenti.
  • Il gruppo chirurgico presentava una sopravvivenza mediana dopo la diagnosi maggiore (17 ± 5,5 vs. 10 ± 2,8 mesi).
  • Un’analisi univariata ha indicato che non essere sottoposti a resezione chirurgica è un fattore di rischio per la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; HR: 2,412; P=0,022), come pure un alto indice di comorbilità di Charlson (HR: 5,252; P=0,014).
  • La sopravvivenza a 2 anni era del 40,7% nel gruppo sottoposto a trattamento chirurgico e dello 0% nel gruppo non sottoposto a trattamento chirurgico (P=0,015).
  • La sopravvivenza mediana era maggiore nel gruppo sottoposto a trattamento chirurgico: 22 rispetto a 14 mesi.
  • Il 31,6% dei pazienti ha sviluppato complicanze postoperatorie di grado III–IV secondo la classificazione C-D.

Limiti

  • Analisi retrospettiva.
  • Popolazione coreana.