Nei primi anni di guida i ragazzi con ADHD adottano più degli altri comportamenti a rischio


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Il maggior rischio di incidenti stradali nei giovani neopatentati con ADHD rispetto agli altri risulta correlato a una maggiore adozione di comportamenti a rischio.
  • Le iniziative di prevenzione per la scurezza stradale dovrebbero tenerne conto.

Descrizione dello studio

  • Dai registri sanitari elettronici (EHR) sono stati estratti i dati di 14.936 ragazzi patentati, nati tra il 1987 e il 1997 e residenti nel New Jersey, dove erano stati visitati in ambulatori del Children’s Hospital di Philadelphia per l’ultima volta a ≥12 anni.
  • I dati sulle patenti, sugli incidenti e sulle violazioni al codice della strada sono stati tratti da un altro database, collegato all’EHR.   
  • I casi di ADHD (n=1.769, 12%) sono stati identificati in base alla International Classification of Diseases, 9th rev.
  • Sono stati calcolati i tassi mensili di incidenti per ogni conducente, tenendo conto di chi li aveva provocati, del legame con l’alcol, dell’ora notturna e della presenza in auto di coetanei).
  • Tassi di frequenza aggiustati stimati tramite la regressione a misure ripetute di Poisson.
  • Fonte del finanziamento: National Institutes of Health.

Risultati principali

  • Tassi di incidenti in ADHD vs non ADHD: nei primi 4 anni dal conseguimento della patente (adj RR 1,37, IC 95% 1,26-1,48); nel primo mese dal conseguimento della patente (adj RR 1,62, IC 95% 1,18-2,23).
  • È stato inoltre osservato nei soggetti con ADHD un tasso di incidenti correlati a comportamenti a rischio e in particolare all’alcol superiore ai non ADHD (adj RR 2,1), sebbene in valori assoluti questi eventi restino rari (5 casi nel primo anno).
  • Tassi di violazioni e sospensioni della patente significativamente maggiori (P

Perché è importante

  • Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte nei giovani.
  • La conoscenza dei comportamenti che ne aumentano la frequenza nei soggetti con ADHD può indirizzare interventi preventivi più mirati.