Negli adolescenti la pratica del sexting si associa a comportamenti a rischio


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • I ragazzi che praticano sexting (l’invio mediante smartphone o pc di testi e/o immagini con un contenuto sessuale esplicito) hanno maggiori probabilità di esercitare comportamenti sessuali a rischio, come avere più di un partner e non utilizzare contraccettivi.
  • Il sexting negli adolescenti si associa anche a comportamenti delinquenziali, ansia/depressione e uso di sostanze (alcol, droghe, tabacco).
  • L’associazione tra sexting e comportamenti a rischio è più forte negli adolescenti più giovani.

 

Descrizione dello studio

  • Una revisione sistematica della letteratura ha permesso di identificare 23 studi in cui era stata esaminata l’associazione tra sexting e comportamenti sessuali o fattori di rischio per la salute mentale in soggetti con meno di 18 anni (n=41.723).
  • È stata condotta una metanalisi a effetti casuali.
  • Fonti di finanziamento: Alberta Children’s Hospital Foundation, Canada Research Chairs.

 

Risultati principali

  • L’età media dei partecipanti era 14,9 anni (range 11,9-16,8).
  • È stata riscontrata un’associazione significativa tra sexting e attività sessuale (16 studi; OR 3,66; 95%CI 2,71-4,92), partner sessuali multipli (5 studi; OR 5,37; 2,72-12,67), mancato uso di contraccettivi (6 studi; OR 2,16; 1,08-4,32), comportamento delinquenziale (3 studi; OR 2,5; 1,29-4,86), ansia/depressione (7 studi; OR 1,79; 1,41-2,28), uso di alcol (8 studi; OR 3,78; 3,11-4,59), uso di droghe (5 studi; OR 3,48; 2,24-5,40) e uso di tabacco (4 studi; OR 2,66; 1,88-3,76).
  • L’associazione tra sexting, comportamenti sessuali e fattori di rischio per la salute mentale era più forte nei soggetti più giovani rispetto a quelli più anziani.

 

Limiti dello studio

  • L’associazione non è necessariamente di natura causale.
  • I dati sono suscettibili di reporting bias.

 

Perché è importante

  • Lo studio suggerisce che sono necessarie campagne di sensibilizzazione per un uso sicuro dei mezzi digitali in modo da aiutare i giovani nel loro sviluppo personale, sociale e sessuale in un mondo tecnologico.