Napoli protagonista della chirurgia della parete addominale


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 nov. (Adnkronos Salute) - Napoli capitale della chirurgia addominale. Sotto la regia dell’Ospedale del Mare nel capoluogo campano, chirurghi dalle sale operatorie degli ospedali di Aosta, Caserta, Grosseto, Pisa, Rovereto, Trento opereranno in diretta streaming casi complessi di ernie e laparoceli, patologie estremamente diffuse, che costituiscono la motivazione più frequente di intervento chirurgico.

E' la prima volta in Italia - sottolinea una nota - che si organizza una diretta chirurgica di tali proporzioni sulle tecniche operatorie della parete addominale, che vede coinvolti alcuni tra i più prestigiosi specialisti nazionali del settore.

La diretta streaming è l’evento clou della tre giorni, da oggi a mercoledì 27 novembre, che chiude l’edizione 2019 della Scuola di riferimento nazionale della Società italiana di chirurgia, dedicata alla chirurgia della parete addominale - ernie e laparoceli, diretta da Pietro Maida, a capo della Uo Chirurgia generale all’Ospedale del Mare, che punta a formare professionisti nel campo della chirurgia di parete. Circa 40 chirurghi, da aprile a novembre, hanno partecipato nelle aule della struttura partenopeo a lezioni teoriche con i migliori specialisti italiani, sedute pratiche su animali e modelli inanimati e lezioni in centri di tirocinio dove hanno preso parte ad interventi sotto la guida di tutor.

Nella sessione di chirurgia in diretta, i discenti avranno la possibilità di assistere in streaming a un elevato numero di interventi e di confrontarsi con gli operatori sulla tecnica. Per chi seguirà invece via internet ci sarà la possibilità di interagire con gli operatori via chat.

Casi complessi di laparoceli, trattati in Tar con protesi biosintetica, saranno condotti da Maida e dalla sua equipe dalle sale operatorie dell’ospedale del Mare. Mentre il dottor Angelo Sorge, direttore della Day Surgery dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, eseguirà interventi su ernie complesse presentando la tecnica operatoria nel trattamento delle ernie inguinali, da lui stessa messa a punto, grazie alla quale è possibile abbattere le complicanze come il dolore cronico e il rischio di recidive.

"Il fatto che la sede dell’evento sia Napoli e in particolare un ospedale della Asl Napoli 1 fa capire che proprio in questa azienda ci sono le competenze per operare con le tecnologie più avanzate tutti i casi di patologie della parete addominale", spiega Maida. "Il successo di questa scuola conferma che la sanità campana ha raggiunto livelli di offerta chirurgica di eccellenza - commenta Sorge - e d’altronde non dimentichiamo che nella storia, la scuola medica della Campania, ha avuto sempre un ruolo di primo piano. L’idea di rendere visibile a tutti la diretta chirurgica non farà altro che offrire un’informazione reale su quanto di buono e di nuovo c’è nella chirurgia di parete".