Nanotecnologie per diagnosi oncologiche, premio al Regina Elena


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 giu. (AdnKronos Salute) - Il lavoro dell'Istituto nazionale tumori Regina Elena di Roma sulle piattaforme sperimentali che utilizzano nanofotonica e altre nanotecnologie per migliorare diagnosi e terapie oncologiche di precisione, grazie a specifici programmi internazionali e in particolare al progetto Ultraplacad sostenuto dall'Unione europea, ha ricevuto il riconoscimento internazionale da parte di ICPerMed, un consorzio che, di concerto con la Commissione europea, promuove la medicina di precisione.

Patrizio Giacomini, ricercatore del Regina Elena - comunica l'Istituto in una nota - si è aggiudicato il primo premio ICPerMed con una lavoro che si intitola 'Un hub di biopsia liquida: integrazione delle nanotecnologie per migliorare la diagnosi e la terapia del cancro' e "integra sequenziamento genomico, digital Pcr, saggi nanofotonici, anticorpi terapeutici e nanoparticelle per sviluppare e applicare approcci di 'oncologia liquida', facili da usare e alla portata di tutti al fine di valutare dinamicamente le vulnerabilità dei tumori e colpirle".

"Oggi la nostra priorità è l'implementazione di approcci di medicina personalizzata - sottolinea Gennaro Ciliberto, direttore scientifico Ire - per offrire a tutti i cittadini e pazienti le cure più appropriate per ogni specifico tumore e per le caratteristiche della singola persona. Lo è per noi così come per gli Istituti in tutta Europa e oltre, come abbiamo avuto modo di sottolineare nel recente confronto tra esperti internazionali tenutosi a Bari e promosso dall'Oeci, la rete europea di Istituti oncologici certificati secondo alti standard. E' necessario ora uno sforzo comune e condiviso per fare ulteriori progressi".

Sono stati 38 i candidati al riconoscimento ICPerMed 'Best Practice in Personalised Medicine' 2019. Quattro i vincitori: oltre l'Istituto Regina Elena, gli altri provengono da Austria, Estonia e Svizzera. Tutti e 4 i prescelti saranno invitati al Workshop ICPerMed il 5-6 novembre 2019 a Madrid e presenteranno i loro risultati durante una sessione plenaria. Riceveranno un premio per sostenere la diffusione del loro lavoro.