mRCC: atezolizumab più bevacizumab non migliorano la OS

  • Motzer RJ & al.
  • JAMA Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Atezolizumab più bevacizumab non migliorano la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) dei pazienti affetti da carcinoma a cellule renali metastatico (metastatic renal cell carcinoma, mRCC) naïve al trattamento rispetto a sunitinib.
  • Atezolizumab più bevacizumab migliorano la OS mediana dei pazienti con tumori caratterizzati da profili trascrittomici a cellule T effettrici/proliferativi, proliferativi o a piccoli RNA nucleolari.

Perché è importante

  • Le analisi dei biomarcatori hanno indicato quali pazienti affetti da mRCC potrebbero ottenere benefici dalla terapia combinata anti-ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death-ligand 1, PD-L1) e anti-fattore di crescita endoteliale vascolare.

Disegno dello studio

  • Analisi finale della OS della sperimentazione di fase 3, multicentrica, in aperto di IMmotion151 di 915 pazienti affetti da mRCC non trattato assegnati casualmente ad atezolizumab più bevacizumab o a sunitinib.
  • Finanziamento: F. Hoffmann-La Roche Ltd; Genentech, Inc.

Risultati principali

  • La OS mediana è risultata simile nei pazienti trattati con atezolizumab più bevacizumab rispetto a sunitinib:
    • popolazione intention-to-treat (36,1 mesi vs. 35,3 mesi);
    • pazienti PD-L1-positivi (38,7 mesi vs. 31,6 mesi).
  • Non sono stati riferiti nuovi segnali di sicurezza.
  • Il tasso di ritiri correlati a tossicità è risultato del 28% nel gruppo trattato con atezolizumab più bevacizumab e del 12% nel gruppo trattato con sunitinib.
  • Il tasso di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 è stato del 46% con atezolizumab più bevacizumab; il più comune è stato proteinuria.
  • Atezolizumab più bevacizumab hanno migliorato la OS mediana dei pazienti con tumori caratterizzati da profili trascrittomici a cellule T effettrici/proliferativi, proliferativi o a piccoli RNA nucleolari rispetto a sunitinib (35,4 mesi vs. 21,2 mesi; HR=0,70; IC 95%, 0,50-0,98).

Limiti

  • Studio in aperto.