Moratti (Lombardia), 'unità ad hoc interverrà su anomalie tempi attesa'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 27 giu. (Adnkronos Salute) - "Nella prossima Giunta porterò una delibera che prevede un'unità di intervento che, ferma restando la responsabilità dei direttori generali, intervenga là dove ci sono situazioni anomale" in termini di tempi di attesa in sanità. Lo ha anticipato, secondo quanto riporta una nota, la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, intervenendo oggi a Milano alla 16esima edizione di 'Salute Direzione Nord', all'interno della rassegna 'Direzione Nord - A True Event'.

"Dopo la delibera dello scorso primo aprile, che penalizza le strutture private accreditate con eccessivi tempi di attesa per erogare le prestazioni, la percentuale di strutture che rispetta i tempi target per i ricoveri oncologici è passata dal 60 al 67%", ha sottolineato Moratti, ricordando che "la delibera prevede penalizzazioni rispetto alle risorse che la Regione eroga, che vanno dal 5% al 50% a seconda dei giorni di sforamento. Si tratta di misure graduali: la misura verrà applicata ai ricoveri chirurgici oncologici e dal primo settembre a tutte le visite ambulatoriali. I primi risultati li stiamo vedendo, ma l'obiettivo è arrivare al rispetto dei tempi in tutte le strutture sanitarie. Non è una questione di campagna elettorale - ha precisato - ma di equità sociale".