Moratti, 'intelligenza artificiale per sanità smart'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 12 lug. (Adnkronos Salute) - Il ruolo della Lombardia in quanto terra di innovazione e la sua spinta propulsiva in ambito europeo, alimentando la sua leadership a livello nazionale. Questi i temi affrontati nel 'Tavolo tematico Innovazione' che è stato coordinato dalla vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare, Letizia Moratti, e da Fabrizio Sala, assessore regionale con delega a Università, Ricerca e Innovazione.

"Innovazione è una delle parole chiave e uno dei punti cardine che interesseranno la revisione della nostra legge regionale sulla Sanità - ha sottolineato la Moratti - e gli obiettivi dichiarati per l'offerta della nostra sanità sono la medicina di prossimità e la cura della persona prima ancora della malattia. In questa progettualità si inseriranno le nuove esperienze delle case di comunità, delle centrali operative territoriali e degli ospedali di comunità".

Per offrire "un ancor migliore servizio alla collettività - ha spiegato - i nostri punti di forza saranno la sperimentazione di strumenti di intelligenza artificiale e machine learning, nell'ottica di una sanità smart, a supporto della gestione clinica e organizzativa dei pazienti oltre alla introduzione della figura degli infermieri di famiglia".

"Nelle linee guida della revisione della nostra legge - ha aggiunto la vicepresidente e assessore - abbiamo dato grande importanza al potenziamento dell'area territoriale: in questa direzione, innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio sanitario nazionale consentiranno il rinnovamento e l'ammodernamento delle strutture tecnologiche e digitali esistenti, il completamento e la diffusione del fascicolo sanitario elettronico (Fse), una migliore capacità di erogazione e monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza (Lea) attraverso più efficaci sistemi informativi".

"Rilevanti risorse sono destinate - ha continuato Moratti - anche alla ricerca scientifica e a favorire il trasferimento tecnologico, oltre che a rafforzare le competenze e il capitale umano del Ssn anche mediante il potenziamento della formazione del personale"

In questo scenario, ha concluso, "abbiamo un progetto molto ambizioso come un Centro nazionale di ricerca sulle malattie infettive cui si affiancano un Centro di ricerca translazionale che identifichi nuovi meccanismi di malattia, un Centro di diagnostica molecolare che si occupi del tracciamento di nuovi virus, nuove varianti e nuovi batteri antibiotico resistenti che dovessero emergere sul nostro territorio, un Centro di ricerca epidemiologica che raccolga, elabori, interroghi e metta a disposizione della comunità scientifica i dati epidemiologici sulle malattie infettive di 10 milioni di cittadini Lombardi, e un Centro di ricerca clinica che sia in grado di tradurre attraverso la conduzione di trial clinici, anche di fase I, i risultati della ricerca traslazionale in ambito diagnostico e terapeutico in risultati concreti per la salute dei pazienti".