Moratti, 'in Lombardia nascerà Rete regionale Pancreas Unit'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 4 apr. (Adnkronos Salute) - In Lombardia nascerà la Rete regionale delle Pancreas Unit, con l'obiettivo di rispondere in modo più appropriato ed efficace ai tumori dell'organo. Lo prevede una delibera approvata oggi dalla Giunta, su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti. "Il carcinoma pancreatico è la neoplasia con più elevata mortalità - afferma - Negli ultimi anni la ricerca clinica ha migliorato le possibilità di cura, ma il percorso diagnostico e terapeutico rimane particolarmente complesso. Per questo è importante dare una risposta ancor più puntuale e articolata, dove il concetto di centralità del paziente e della sua presa in carico siano elementi fondamentali intorno ai quali devono ruotare tutte le figure coinvolte nel processo di diagnosi e cura".

La complessità del percorso diagnostico e terapeutico del carcinoma pancreatico, l'alta specializzazione necessaria e le diverse figure mediche coinvolte - sottolinea una nota di Palazzo Lombardia - richiedono un approccio multidisciplinare e integrato che trova la sua piena attuazione nell'individuazione di centri di riferimento Pancreas Unit, strutture organizzative al cui interno sono presenti le figure professionali delle varie discipline che, in sinergia tra loro, hanno l'obiettivo di migliorare la risposta di cura di queste patologie. "Le Pancreas Unit - evidenzia Moratti - permetteranno al paziente di seguire un percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale predefinito e integrato, erogato da centri con adeguate tecnologie, personale competente e con elevati volumi di trattamento. La complessità della diagnosi e cura dei tumori pancreatici richiede competenze specifiche e servizi clinici non disponibili in tutti gli ospedali lombardi. Queste considerazioni hanno fatto emergere la necessità di costruire la rete regionale delle Pancreas Unit secondo il modello organizzativo Hub e Spoke".

La Direzione generale Welfare della Regione sta lavorando da qualche mese alla realizzazione della rete, anche attraverso anche l'istituzione preliminare di un gruppo di lavoro ad hoc all'interno della Commissione tecnica Tumori solidi della Rete oncologica lombarda. Un team che ha definito i requisiti minimi organizzativi e professionali, e i volumi di attività, per identificare le Pancreas Unit Hub e le Pancreas Unit Spoke.

La Dg Welfare - dettaglia la nota - censirà le strutture sanitarie pubbliche e private accreditate a contratto coinvolte nel trattamento dei tumori pancreatici, che nel territorio regionale possiedono i requisiti minimi previsti. In base al livello di prestazioni offerte, sarà definito l'elenco delle strutture sanitarie identificate quali Centri Hub e Centri Spoke, che apparterranno alla Rete regionale delle Pancreas Unit.

"Dopo la fase più emergenziale della pandemia - conclude Moratti - proseguiamo nel nostro impegno per dare sempre risposte nel segno di una sanità d'eccellenza. Dopo la delibera sul recupero delle liste d'attesa in campo oncologico, anche con questo provvedimento confermiamo la nostra attenzione sul campo della prevenzione, diagnosi e cura".