Monoterapia con farmaci antiepilettici in pazienti con epilessia focale di nuova diagnosi


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Monoterapia con farmaci antiepilettici in pazienti con epilessia focale di nuova diagnosi. Una rete meta-analisi

A cura del Dott. Luca Gallelli

L'epilessia è uno dei disturbi neurologici più comuni, che colpisce circa 70 milioni di persone in tutto il mondo. L’obiettivo principale della terapia farmacologica è la riduzione delle crisi senza sviluppare eventi avversi; la monoterapia è l’opzione migliore nei pazienti di nuova diagnosi e la carbamazepina a rilascio controllato (CBZ-RC) rappresenta il farmaco di scelta. Ad oggi non sono stati eseguiti studi di confronto per valutare il profilo di efficacia e sicurezza tra gli antiepilettici di seconda o terza generazione e la CBZ-RC; è stato eseguito solo uno studio randomizzato che ha confrontato la terapia a base di lamotrigina vs pregabalin in pazienti con epilessia focale di nuova diagnosi.

Lo scopo di questo studio è stato quello di eseguire una revisione sistematica e una network meta-analisi di tutti gli studi clinici randomizzati e controllati (RCT) attualmente disponibili tra antiepilettici in monoterapia contro CBZ-RC per valutare l'efficacia e la tollerabilità dei diversi trattamenti antiepilettici in pazienti adulti con epilessia focale di nuova diagnosi.

Le misure di esito di efficacia sono state considerate la percentuale di pazienti che raggiungevano la libertà da crisi convulsive di almeno 26 settimane durante il periodo di mantenimento e la proporzione di pazienti senza crisi per almeno 52 settimane consecutive. La misura di efficacia è stata rappresentata dalla percentuale di pazienti che hanno sviluppato eventi avversi durante la terapia e la percentuale di pazienti che ha sospeso il trattamento a causa di eventi avversi. Sono stati identificati 1149 studi (EMBASE 589; MEDLINE: PubMed 186; CENTRAL 222; ClinicalTrials.gov 152) e sono stati inclusi 4 studi clinici randomizzati, in doppio cieco, multicentrici a gruppi paralleli e con disegno di non inferiorità.

Gli studi inclusi comprendevano 2856 partecipanti, di cui 1445 trattati con CBZ-RC e 1411 trattati con gli altri antiepilettici. Tutti i pazienti presentavano una epilessia focale di nuova diagnosi non trattata, con o senza epilessia secondariamente generalizzata. Tre studi randomizzati includevano pazienti con crisi generalizzate tonico-cloniche con percentuali variabili dal 9,3% al 20,3% dell'intera popolazione dello studio. Relativamente agli esiti di efficacia e sviluppo di eventi avversi non vi è stata differenza tra i pazienti trattati con levetiracetam, zonisamide, lacosamide, eslicarbazepina e CBZ-RC. Al contrario, il trattamento con lacosamide ha mostrato una minore frequenza di sospensione del trattamento rispetto a CBZ-RC (OR 0,659, 95% CrI 0,428‐0,950).

I risultati del presente studio non hanno mostrato alcuna differenza significativa in termini di efficacia tra i antiepilettici utilizzati in monoterapia nel trattamento di pazienti adulti con epilessia focale di nuova diagnosi.

Attualmente, la conoscenza completa delle caratteristiche farmacologiche dei nuovi farmaci antiepilettici dovrebbe guidare il clinico nel processo decisionale al fine di fornire il miglior trattamento individualizzato e ottimizzare l'allocazione delle risorse. Oltre alle possibili differenze di efficacia, altre caratteristiche tra cui la frequenza di somministrazione, le proprietà farmacocinetiche, il rischio di interazioni farmacologiche, il profilo di tollerabilità e la preferenza dei pazienti dovrebbero essere considerati nella scelta del trattamento. In futuro, una migliore comprensione della fisiopatologia dello sviluppo delle crisi convulsive, insieme ad una innovativa strategia per identificare nuovi bersagli molecolari potrebbero consentire lo sviluppo di farmaci più efficaci.

Parole chiave: antiepilettici, monoterapia, epilessia focale

Conflitto di interessi: Alcuni autori hanno dichiarato di aver ricevuto fondi per partecipazioni a congressi. Comunque tutti gli autori hanno dichiarato che la pubblicazione segue le linee guida etiche della rivista.

Riferimenti bibliografici: Lattanzi et al. Antiepileptic monotherapy in newly diagnosed focal epilepsy. A network meta‐analysis. Acta Neurol Scand. 2019;139:33–41.

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione Riservata